CASTIGNANO – Riceviamo e pubblichiamo un comunicato, giunto in redazione, del gruppo “Impegno Civico” di Castignano:

“A fronte di un vuoto amministrativo che dura da tre mesi, il sindaco Fabio Polini con nota 4664 del 28 agosto ha prodotto il suo capolavoro inoltrando alle associazioni aventi sede nel territorio di Castignano un’ordinanza di sgombero di tutti i locali di proprietà comunale. L’iniziativa promossa dallo sprovveduto sindaco è giunta come un fulmine a ciel sereno a realtà fortemente radicate nel territorio come ad esempio la Croce Rossa, la Banda Musicale, la Polisportiva Castignano, l’Avis, la Società Operaia, l’associazione Lo Castello e molte altre che, a diverso titolo, operano nell’ambito del sociale, della cultura e dello sport.

L’aspetto più grave della vicenda è rappresentato dal fatto che nessuna motivazione è stata addotta a margine del provvedimento di sgombero e, per tale ragione, con una nota diffusa dalla minoranza rappresentata dal gruppo consiliare Impegno Civico, il sindaco Polini è stato definito come uno sceriffo avventato  nelle sue scelte, piuttosto che un Sindaco ponderato nel valutare le esigenze dei cittadini.

La minoranza di Impegno Civico, rappresentata dai consiglieri Lino Corradetti e Luigi Cava, presenterà nei prossimi giorni una richiesta di convocazione del Consiglio comunale per discutere una Mozione di revoca dell’ordinanza da sottoporre al voto dell’assemblea e valuterà se chiedere le dimissioni del primo cittadino per evidenti incapacità a guidare il Comune di Castignano”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 489 volte, 1 oggi)