ASCOLI PICENO – “Industriali e artigiani del Piceno devono rafforzare le sinergie per rendere ancora più efficace l’azione in favore delle imprese. Cultura d’impresa significa buone prassi, innovazione e internazionalizzazione. E’ questo è un patrimonio da condividere e difendere a prescindere dalle dimensioni aziendali”. Così Bruno Bucciarelli, presidente di Confindustria Ascoli, nell’intervento che ha dato il via alla serata di Villa Sgariglia organizzata proprio per contribuire a dare nuovo respiro alle eccellenze del territorio. Con particolare attenzione ai mercati esteri, Russia e paesi vicini in questa circostanza, e alle produzioni tipiche come moda e artigianato artistico.

Alle parole del presidente Bucciarelli ha fatto eco Luigi Passaretti, presidente provinciale della Cna di Ascoli. “Collaborare fa bene alle imprese e all’economia. E noi che umilmente abbiamo il compito di accompagnare i nostri associati verso un futuro meno grigio dell’attuale, e finalmente di crescita, dobbiamo essere i primi a credere e operare affinché il fare rete e sistema non siano solo parole prive di contenuto ma azioni concrete quotidiane”.

La serata a Villa Sgariglia, dal titolo “Passerella mediterranea”, in una cornice entusiasta di pubblico, è stata caratterizzata da una sfilata di moda e dall’esposizione di prodotti di artigianato tipico artistico e tipico.

Grazie a questo evento dall’8 al 15 settembre, 42 stilisti emergenti provenienti dalla Russia, Kazakistan, Ucraina e Mongolia a cui si sono aggiunti 14 provenienti da tutta Italia, si contendono i premi ed i riconoscimenti in palio per le migliori idee di fashion. Oltre agli stilisti, presenti modelle, fotografi e hair stylist a cui sono stati dedicati concorsi paralleli. Tra i partecipanti e gli accompagnatori nel periodo oltre 350 persone resteranno per tutta la settimana nel Piceno.

Quindi anche un momento importante dal punto di vista delle presenze turistiche per un’iniziativa per la cui realizzazione molto si deve ad Andrea Mora, presidente Fondazione Russia-Italia. “Un grande successo di pubblico – il suo commento – con oltre 200 presenze a Villa Sgariglia. Ma soprattutto un ponte aperto e reso sempre più vitale con la Russia nel campo dell’internazionalizzazione ma anche della formazione e di tutti quegli scambi culturali che rafforzano la sinergia e rendono più appetibili i nostri prodotti in quei territori”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 197 volte, 1 oggi)