ASCOLI PICENO –  Nuova e ricca stagione di spettacolo del Teatro Ventidio Basso, su iniziativa del Comune di Ascoli e dell’Amat presentata nel foyer del Massimo delle Cento Torri.

Il sindaco Guido Castelli auspica che si “passi dalla stagione al progetto Ventidio, con tante iniziative dirette a tutte le età. Contiamo di creare un polo dei Teatri ascolani, insieme al Filarmonici, all’Auditorium Montevecchi e allo Spontini. Pensiamo anche ad un aumento della proposta di lirica, sulla base di quello che sta pensando il governo”.

Il BIM Tronto, rappresentato dal presidente Luigi Contisciani ricorda “tutte le progettualità da noi finanziate. Il BIM crede fortemente nella cultura”,  mentre l’assessore alla Cultura, Giorgia Latini sottolinea che “come mamma sono molto interessata ai progetti per i bambini. Cercheremo di  aumentare l’offerta per i più piccoli”. Il presidente dell’AMAT, Gino Troli evidenzia come “la stagione del Ventidio è il fiore all’occhiello dell’AMAT. Il teatro ascolano è un punto di riferimento insostituibile. Speriamo di far venire qui il Teatro straniero, con tante star internazionali”.

Il direttore dell’AMAT, Gilberto Santini illustra tutte le proposte in cartellone. Si parte i 15 e il 16 novembre con Tres, brillante commedia spagnola con un cast formato da Anna Galiena, Sergio Muniz, Marina Massironi e Amanda Sandrelli. Sempre a novembre, il 29 e 30, il musical Sette spose per sette fratelli, con Flavio Montrucchio e Roberta Lanfranchi.

Poco prima di Natale, il 20 e 21 dicembre Claudio Santamaria è il protagonista di Gospodin, basato sul testo di Philip Lohle, che inventa un teatro che accusa la società consumistica moderna.

Passando al 2015, il 6 e 7 gennaio Alessandro Haber e Alessio Boni, portano in scena Il visitatore, vestendo i panni di Dio e Freud, diretti da Valerio Binasco, mentre il 27 e 28 dello stesso mese, va in scena il Riccardo III di William Shakeaspeare, diretto e interpretato da Alessandro Gassman.

A febbraio, l’11 e il 12 Pierfrancesco Favino  torna al Massimo ascolano con Servo per due, del celebre commediografo Richard Bean, adattamento del classico teatrale, “Il servitore di due padroni”. Il meglio dela commedia francese approda in scena il 28 febbraio e 1 marzo con Sarto per signora, con protagonista Emilio Solfrizzi.

Il cartellone di prosa è concluso il 14 e 15 marzo con un’appuntamento di danza, Amarcord, adattamento del celeberrimo film di Federico Fellini, con le musiche di Nino Rota, con protagonista Rossella Brescia.

Per la danza, il 14 dicembre in scena il Don Chischiotte, il 26 marzo Le sorelle Macaluso. La danza incontra il rock ne “Il vestito di Marlene, mentre l’8 maggio  la sezione dedicata alla nuova scena è chiusa dal regista ascolano Alessandro Marinelli con La Contessina Julie, una piece di grande attualità che parla della scelta del proprio futuro.

Per il teatro dei bambini, tre spettacoli: L’uccello di fuoco il 25 gennaio, il Piccolo Principe il 22 febbraio e Voglio la luna l’8 marzo.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 468 volte, 1 oggi)