APPIGNANO DEL TRONTO – E’ partito il nuovo centro per l’infanzia Kirikù, ad Appignano del Tronto, nella giornata del primo ottobre.

Si tratta di un servizio per la prima infanzia, organizzato in modo flessibile e articolato, offre risposte diverse alle molteplicità dei bisogni espressi dalle famiglie che non utilizzano l’asilo nido. Affianca le famiglie quale sostegno per la conciliazione dei tempi lavorativi e per lo svolgimento delle funzioni educative favorendo in un luogo accogliente, stimolante, protetto e familiare. Assiste le prime esperienze di socializzazione tra bambini e di separazione dall’adulto, condividendo con le pari situazioni di gioco, di scoperta.

Ha lo scopo di offrire ai bambini esperienze e proposte educative di stimolo alle loro potenzialità cognitive, affettive e sociali, nella prospettiva del loro benessere e del loro armonico sviluppo.

Il servizio è a disposizione in via prioritaria ai cittadini residenti nel Comune di Appignano del Tronto e nei comuni dell’Unione dei Comuni Vallata del Tronto e in subordine in relazione alla presenza di posti per i richiedenti non residenti.

Il progetto educativo studiato per il centro Kirikù si chiama “Alla scoperta dei 5 sensi”.

Gli amministratori, a proposito, hanno dichiarato: “Il grembo materno è il nostro primo involucro, il nostro primo stadio di pelle, che ci avvolge e ci lega in un fortissimo intreccio emotivo. Questa esperienza tonico-emotiva primordiale determina la nostra sensibilità. Nei primi mesi di vita, grazie a vari stimoli con cui il bambino viene a contatto, si sviluppano i sensi del tatto, dell’olfatto, del gusto, dell’udito e della vista che poi con il tempo tutti e 5 vengono affinati. Come il nostro piccolo compagno di viaggio Kirikù, tutti i bambini imparano a pensare, a sentire, a parlare, a fare, a muoversi e a emozionarsi”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 222 volte, 1 oggi)