ASCOLI PICENO – Sabato 18 Ottobre alle ore 15:30 presso la Sala congressi Camera di commercio Ascoli Piceno in Viale della Repubblica , si terrà un importante convegno informativo sulle vaccinazioni pediatriche.
Relatori saranno il Dottor Eugenio Serravalle specialista in pediatria e presidente dell’Associazione AsSis, il Dottor Maurizio Conte specialista in pediatria, l’avvocato Luca Ventaloro, referente legale COMILVA e docente di diritto sanitario presso l’università di Bologna. La tematica di rilevanza attuale verrà trattata in modo oggettivo e trasparente tendendo a fornire alla platea informazioni che di regola non vengono date in modo chiaro e come prevede la legge.
Tra i relatori, inoltre ci sarà, Antonella Celli, madre di V. bambino danneggiato da vaccinazione e riconosciuto con sentenza del Tribunale di Rimini.
Ma sono sorte delle polemiche proprio da parte degli organizzatori COMILVA e ASSIS .
“Il  sindaco del Comune di Ascoli Piceno”-  si legge in una nota delle due associazioni – ” a pochi giorni dal convegno sulle vaccinazioni pediatriche fissato per il 18 ottobre alla Camera di Commercio ascolana, ha deciso di revocare il patrocinio che aveva prima concesso. Un voltafaccia in corner, quasi che qualcuno gli abbia “fatto notare” che quando si parla anche di danni da vaccino non “sta bene”, meglio far vedere che NON si avalla, che non si appoggia, caso mai qualcuno potesse pensare che i danni da vaccino esistono veramente! Beh, i danni da vaccino esistono, eccome, anche se l’ente pubblico si gira dall’altra parte e scappa all’ultimo momento per non doverli affrontare. Nel convegno pubblico si parlerà di informazione, spesso negata, di danneggiati, di un equilibrio e di una scientificità che a volte mancano in chi i vaccini li somministra. Se il Comune e il sindaco non ci vogliono essere…ebbene, la realtà resta comunque quello che è, questa. Non capiamo perché tali informazioni debbano essere taciute ai cittadini e perché bisogna ostinatamente andare contro l’evidenza dei fatti e rendersi complici di tacere informazioni che impediscono ai genitori di prendere una sclenta consapevole in merito alla salute dei loro figli. “
 
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.153 volte, 1 oggi)