CASTORANO-  Si è svolto l’incontro tra la Giunta dell’Unione dei Comuni e gli amministratori di Castorano. Ricordiamo che ottobre e novembre, come indicato nelle linee programmatiche, saranno i mesi nei quali le giunte dell’Unione si terranno nei sei comuni che ne aderiscono, coinvolgendo gli attori protagonisti in campo nelle istituzioni locali: i consiglieri e assessori. L’iniziativa itinerante “L’Unione NEI Comuni” ha visto la sua prima tappa nel comune di Castorano del giovane e neo Sindaco Daniel Ficcadenti che, insieme all’Assessore alla Dinamicità Territoriale dell’Unione dei Comuni Silvia Fioravanti, ha dato il benvenuto ai colleghi della Vallata. A seguito della riunione della giunta dell’Unione, che ha visto, tra gli altri punti all’odg l’avventura revoca alla delibera di recesso dal Cup, si è tenuto, alle 18, un incontro tra quest’ultima e gli amministratori Comune nel Comune di Castorano in cui si è discusso delle linee guida. Inoltre si è parlato di come gli amministratori locali debbano poter vedere l’Unione e di come la vedono oggi ed è emersa la consapevolezza di avere con l’ente, una grande opportunità indispensabile per i Comuni, per ovviare alle tante problematiche che vivono.

«Il dibattito politico sugli enti locali – commenta il presidente Valerio Lucciarini – va in direzione di una sinergia autentica dei servizi in associazionismo tra i Comuni. Per il territorio della Vallata esiste la grande opportunità che si chiama Unione dei Comuni, che va sostanziata, va costituita e rafforzata. Quindi il fatto di esserci messi nella condizione di procedere su questo tipo di itinerario serve ad alimentare la consapevolezza dell’importanza di questo ente.”

I giovanissimi amministratori di Castorano hanno dichiarato come vedono l’Unione in una istituzione che possa davvero essere capace di dare risposte alle tante problematiche, a partire dalla Scuola, dal Sociale. Il Presidente Lucciarini ha rimarcato come i Comuni piccoli, come Castorano debbono potersi lanciare in una programmazione innovativa sostenuti da un apporto più ampio.

“L’incontro – ha ribadito il presidente – è andato molto bene, è stato positivo e ha colto davvero nel segno l’obiettivo che ci eravamo prefissati: quello di trovare una solidarietà rispetto alla nuova fase dell’Unione. Questa c’è stata, anzi si è rilanciata un’azione in maniera molto forte e sinergica, con partecipazione attiva da parte di tutti i sindaci di tutta la giunta».

Era assente solo Cardilli per motivi di lavoro, ma sarà presente lunedì prossimo (27 ottobre) alla riunione che si terrà a Colli.

Durante l’incontro della Giunta è stato data comunicazione dell’uscita del Comune di Appignano del Tronto dall’Unione. Un’ uscita dovuta al fatto che la Regione ha obbligato Appignano a scegliere tra l’appartenenza all’Unione o alla Comunità Montana. Dato che, stando nella comunità montana, possono garantire la tenuta del plesso scolastico, hanno dovuto scegliere quest’ultima anche se hanno assicurato che si convenzioneranno con tutti i servizi dell’Unione.

“Voglio ribadire – ha concluso Lucciarini – che Appignano crede davvero nell’Unione dei Comuni e spero che, laddove il legislatore riveda la posizione di questo vincolo obbligatorio, possa tornare nell’ente. D’altro canto la prossima settimana ci sarà un incontro con un Comune, di peso in questo territorio, che è benintenzionato a entrare nell’Unione della Vallata del Tronto».

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 234 volte, 1 oggi)