MONTERUBBIANO – Dopo l’esordio a Ripatransone (il 18 e 19 luglio), torna “Olio Fest” con il secondo appuntamento ambientato, invece, a Monterubbiano, dal 25 al 26 ottobre. Iniziativa compresa in quelle della rete di “Piceno Senso Creativo”, finanziato dal Gal Piceno nell’ambito del Piano di Sviluppo Locale (fondi Feasr europei) e che durante il 2014 si è già sviluppata in una serie di eventi a partite da “Anis, festival dell’anice verde di Castignano” dall’11 al 13 aprile, “Secondi a nessuno” ad Acquaviva Picena dal 27 al 29 giugno, e “Non chiamatelo Scorzone” sul tartufo nero dei Sibillini, a Force dal 6 al 10 agosto. Ultimo atto della rassegna si svolgerà poi a Montedinove per “Sibillini in Rosa”, dedicato alla mela rosa dei Sibillini.

Olio Fest” celebra una delle peculiarità del Piceno, ovvero la tipicità di un olio conosciuto e apprezzato già dal tempo dei Romani, tanto che, con oltre mille ettari di terreno destinato agli uliveti, la provincia di Ascoli copre da sola la metà dell’estensione agricola regionale dedicata alla raccolta di olive. Inoltre l’oliva Tenera Ascolana è stata da qualche anno insignita con la Denominazione di Origine Protetta.

Dopo l’apprezzata “apertura” a Ripatransone, con un appuntamento incentrato sui rapporti tra olio, nutrizione e attività agonistica, ecco che a Monterubbiano potrà essere apprezzato un aspetto dell’olio forse meno conosciuto al grande pubblico ma non per questo – anzi, in funzione di questo – la cittadina fermana aprirà la due giorni con un incontro al Teatro Pagani previsto sabato 25 ottobre alle ore 11, dedicato ad “Olio e cosmesi”, con l’intervento degli studenti dell’Isc di Monterubbiano e alla presenza del dirigente scolastico Andreina Mircoli, alla cosmetologa Diana Malcangi e a Stefano Properzi, del Centro di Educazione Ambientale “Giano”. Verranno tra l’altro presentate delle attività didattiche realizzate in collaborazione con il C.e.a. e con la rete Musei Piceni.

Il giorno successivo, domenica 26 ottobre sempre al Teatro Pagani e sempre alle ore 11, seconda parte di “Olio e cosmesi” con una tavola rotonda nella quale interverranno Maura Malaspina, assessore regionale all’Agricoltura, Claudio Faloci, commissario prefettizio del Comune di Monterubbiano, Domenico Gentili, presidente del Gal Piceno, Loriana Abbruzzetti, presidente dell’associazione Pandolea, Cristiano Berilli, storico dell’Università degli Studi di Macerata, Diana Malcangi, cosmetologa, con testimonianze dal mondo imprenditoriale relativo alla lavorazione dell’olio.

Stefano Greco di Tuber Communication, tra gli organizzatori della rete, precisa come “Piceno Senso Creativo ha inteso mettere in rete le eccellenze del territorio, e avviato una sorta di start up per convogliare le risorse spesso poco conosciute al grande pubblico, di residenti e turisti”. Inoltre “Olio Fest” otterrà il partenariato di Legambiente Marche in quanto riconosciuto come progetto a rilevanza ambientale nazionale.

Domenico Gentili, presidente del Gal Piceno, ente che ha contribuito concretamente alla realizzazione di Piceno Senso Creativo, ha sottolineato: “Siamo in conclusione della programmazione del periodo 2007-13, nel quale abbiamo tentato soprattutto di rafforzare la promozione delle nostre eccellenze. Con questo progetto iniziamo anche una fase nella quale abbiamo bisogno che i nostri prodotti vengano commercializzati, quindi conosciuti anche dai mercati e venduti. La Regione Marche e quindi il programma europeo Leader hanno confermato la linea di finanziamento per cui tenteremo sempre di più di aiutare le aziende agricole ad essere competitive”.

Partner importante di “Olio Fest” è l’associazione Pandolea, che raccoglie tutte le donne imprenditrici o comunque lavoratrici nel settore dell’olio. La presidente nazionale Loriana Abbruzzetti spiega come “l’associazione si caratterizza per una diffusione della conoscenza degli usi dell’olio anche oltre quello alimentare: quindi a Ripatransone abbiamo incontrato gli studenti e mostreremo i valori nutrizionali dell’olio in relazione all’attività sportiva, mentre a Monterubbiano si terranno degli incontri relativi alle relazioni tra olio e cosmesi”.

L’appuntamento di Monterubbiano vedrà l’importante coinvolgimento degli studenti e, in questo senso, l’apporto del C.e.a. è stato importante; il responsabile Stefano Properzi spiega come anche in passato la sua struttura abbia collaborato con Pandolea per questioni relative alla produzione dell’olio e all’antisofisticazione dell’olio, “quindi questo approfondimento sulla cosmesi e sulla merceologia è un ulteriore approfondimento per uno dei prodotti tipici delle nostre campagne”.

Ma “Olio Fest” vedrà anche importanti relazioni che toccheranno gli aspetti dell’arte e della ricchezza architettonica, in un trait d’union che coinvolgerà la scuola di Specializzazione in beni storici e artistici dell’Università di Macerata, rappresentata dal dottor Cristiano Berilli: “La cosmetologia legata all’olio ha antiche radici e la sua riscoperta ha una relazione storica con i luoghi e le bellezze architettoniche e artistiche anche delle nostre città”.

“Piceno Senso Creativo” sta contribuendo ad esaltare quanto di già esistente nel panorama piceno, creando interazioni tra agricoltura, turismo, cultura e attività produttive, anche attraverso sistemi innovativi della comunicazione, a partire dal portare www.youpiceno.it e fruendo degli strumenti di comunicazione dei social network.

“Piceno Senso Creativo” è un progetto cofinanziato nell’ambito del Piano di Sviluppo Locale Piceno (Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013 – Unione Europea / Regione Marche – Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale “L’Europa investe nelle zone rurali”) e realizzato da Piceni Art For Job.

Per informazioni www.youpiceno.it, 3394541932

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 343 volte, 1 oggi)