ASCOLI PICENO  – Si avvia a termine l’edizione di Expo Piceno 2014, che  ha raggiunto importanti obiettivi.

Il primo di questi la firma di due rilevanti protocolli d’intesa tra il Piceno e l’UTAP, l’Unione Tunisina dell’agricoltura e della pesca. Il primo protocollo, denominato “convenzione quadro di cooperazione trilaterale” è stato sottoscritto ad Ascoli dal presidente di Confindustria Ascoli Piceno Bruno Bucciarelli e da Gianni Tardini come responsabile provinciale del Comitato Piccola Industria; dall’altra parte    il Presidente dell’organismo Tunisino    Abdelmajid Ezzar  e Mohamed Riahi   amministratore unico  di Essetiemme Srl.

Obiettivo prendere atto delle opportunità offerte nell’ambito dell’accordo di associazione e di libero scambio commerciale fra la Tunisia e l’Unione Europea siglato nel 1995 ed   incitare le PMI italiane e tunisine a migliorare la loro produzione, ad avvicinarsi e a concepire una strategia commerciale ispirata ai due Paesi, in vista di consolidare i loro rapporti tramite la creazione di un partenariato costruttivo.

A S. Benedetto del Tronto, nella sede di Confindustria Ascoli Piceno,è stato invece definito e sottoscritto un protocollo di valenza nazionale: hanno partecipato alla firma il  vice presidente con delega ai rapporti internazionali di Federpesca – Confindustria Luigi Giannini ed il Presidente dell’organismo Tunisino, Abdelmajid Ezzar, alla presenza di Silvia Merlini delegata alla pesca per Confindustria Ascoli Piceno.

Questo accordo è finalizzato a porre le condizioni di un partenariato nelle attività di ricerca, sviluppo ed innovazione nel settore della pesca e lungo l’intera filiera ittica. Rilevante il fatto che tenuto conto dei programmi di incentivazione alla ricerca, sviluppo ed innovazione propri delle politiche dell’UE nel periodo di programmazione 2014 – 2020, l’accordo intende prendere spunto dalla   particolare concentrazione di Aziende operanti nella produzione di attrezzature, tecnologie e servizi per la pesca e la filiera ittica che caratterizzano il territorio della Provincia di Ascoli Piceno, massimamente associate a Confindustria Ascoli Piceno, per favorire una stretta collaborazione in partenariato nella partecipazione congiunta a programmi di ricerca, sviluppo ed innovazione di comune interesse .

Grande la soddisfazione di Bucciarelli e Tardini per i risultati raggiunti ed all’unisono dichiarano: ” il Piceno ha bisogno di certezze e concretezze ma soprattutto di fattivi rapporti internazionali se vogliamo dare nuovo slancio alle nostre imprese”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 254 volte, 1 oggi)