Pubblichiamo un comunicato stampa del Partito Democratico di Ascoli Piceno

“Incontro con alcuni commercianti del centro storico interessante che va collocato nell’ambito di una piu’ campagna d’ascolto con i vari stakeholder cittadini avviata nelle ultime settimane dalla segreteria del Pd ascolano e concentrata in questa fase prioritariamente sul tema centro storico cittadino caratterizzato sempre piu’ da rilevanti elementi di criticita’ : un centro sempre meno attrattivo, stretto nella morsa della crisi economica, ma anche attanagliato da problemi di microcriminalita’, chiusura giornaliera di esercizi commerciali, calo dei consumi, lavori di riqualificazione urbana di alcune zone del centro troppo lunghi che unitamente allo stesso quadro economico sfavorevole, arrecano notevoli svantaggi e disagi a molti commercianti ed esercenti l’attività giornaliera nelle immediate vicinanze delle aree messe e che verranno messe in futuro a “cantiere”, uno su tutti, la perdita conseguente di clienti per il periodo prolungato dei lavori. Uno scenario inquietante, in cui il centro storico e’ destinato a morire lentamente, complici soprattutto anche le sbagliate politiche pubbliche messe in atto dall’amministrazione, che non vanno affatto nella direzione di valorizzare o rinvigorire il centro storico.

Ci riferiamo quindi all’imbarazzante ritardo con cui proseguono i lavori preso i cantieri del Polo Universitario (e’ slittato l’a.a 2014/2015, la scuola di Architettura presente ad Ascoli un tempo eccellenza italiana oggi viene in questo senso mortificata anche nell’ambito di un contesto relazionale e di dialogo tra le due istituzioni, il Comune di Ascoli e l’Ateneo camerte) ben sapendo quanto sia importante un asset culturale come quello di avere un’Universita’ affermata in una citta’ come Ascoli con le conseguenti ricadute benefiche che ne derivano: maggiori studenti-utenti “fruitori” del centro cittadino, sviluppo del turismo congressuale, implementazione dell’attivita’ di convegnistica ad esempio! Per non parlare di un piano traffico, di un piano sosta, di un piano mobilita’ che vanno rivisti e rimodulati, se si intende effettivamente rivitalizzare il centro storico e nello stesso tempo contemperare le esigenze e gli interessi dei commercianti visti come parte della collettivita’ generale!

Queste problematiche sono uscite fuori dal proficuo incontro avvenuto ieri sera, ricco di spunti di riflessione, tanto e’ che seguira’ a breve un secondo incontro per approfondire ulteriormente i temi trattati, e gia’ in quella fase, saremo come Partito democratico, in grado di offire una proposta volta a fronteggiare nell’immediato una situazione di disagio che patiscono e stanno patendo i commercianti delle aree cantierate, seguira’ successivamente una proposta del Pd ascolano di piu’ ampio respiro condivisa con i cittadini, i commercianti e le varie associazioni di categoria per una nuova citta’ e una nuova idea di centro storico! Proseguiremo quindi con l’intensificazione della campagna di ascolto su questo tema convinti che la metodologia di lavoro che la segreteria ascolana del Pd ha adottata sia la migliore in un’ottica di condivisione e di elaborazione di una nuova idea di citta`.”

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 262 volte, 1 oggi)