ASCOLI PICENO – A seguito della rinomata Spending Rewiew sarà decretata la chiusura della Sezione Polizia Postale e delle Comunicazioni di Ascoli Piceno. Entro marzo 2015 l’ufficio cesserà di esistere.

La Siulp, la Consap e l’Ugl Polizia di Stato non accettano questa decisione: “Una vera e propria assurdità, non ci sarà alcun risparmio di spesa. Con la chiusura della sezione i cittadini della Provincia di Ascoli Piceno perderanno un punto di riferimento per quanto riguarda la sicurezza sul Web e in particolar modo un qualificato supporto per i genitori preoccupati dall’uso non consapevole delle nuove tecnologie da parte dei propri figli minori”.

La Polizia Postale, abitualmente, aiuta le altre forze dell’ordine a indicare la specialità per risolvere problematiche delle quali non hanno conoscenze (social network in particolare) che riguardano il cyber bullismo. La sezione di Ascoli conta attualmente sull’apporto di sette uomini competenti in materia.

I sindacati affermano: “Vogliamo che si sappia quello che sta accadendo per far capire che non è assolutamente il momento di abbassare la guardia per quanto attiene la sicurezza sul Web visto anche gli ultimi fatti recenti”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 381 volte, 1 oggi)