ASCOLI PICENO –  Si torna a parlare del nuovo Polo Universitario ascolano.

Negli scorsi giorni, una delegazione consiliare ha visitato il cantiere dell’Annunziata.

In una nota, i consiglieri comunali del Partito Democratico sottolinea che “Noi ed il centrosinistra tutto, da ben 15 anni sollecita l’amministrazione comunale per avere finalmente il Polo Universitario nella città di Ascoli Piceno. Gufo è stato chi per troppo tempo ha fatto aspettare una città che può avere nell’ Università uno dei volani della rinascita. Gli annunci sensazionali coprivano imbarazzanti inefficienze e le incontrollate crescite dei costi e tempi di realizzazione, che gli ascolani pagheranno a caro prezzo. Come formiche i consiglieri comunali del PD hanno lavorato giorno dopo giorno per sollecitare l’amministrazione ad avviare i lavori. Un processo, questo, che ha avuto tanti intoppi a partire dalla decretazione di una nostra interrogazione, aumento dei costi di circa 900.000 euro finanziati con variazione di bilancio, 800.000 euro fra incarichi, studi e “consulenze” , 1.200.000 euro di riserve come affermato dalla stessa impresa travaglini. Speriamo che la città possa avere finalmente il suo polo universitario e nel contempo che i cittadini possano avere quelle risposte che attendono da anni. Sarà quindi nostro compito vigilare sulla realizzazione e completamento dell’opera ma senza tacere su quelle questioni che ormai sembrano richiedere l’attenzione di altre istituzioni. Infine, ma non meno importante, ribadiamo la necessità del coinvolgimento dell’UNICAM e del CUP in tutte le azioni atte a decidere dislocazione e fruibilità delle aule.

Vorremmo far notare a Castelli che se, come si è impegnato, consegnerà l’opera alla città entro Aprile 2015, non sarà certo per fare un dispetto ai gufi, ma per compiere il proprio dovere di amministratore. Quello che, come opposizione, ci stiamo impegnando a fare è di sollecitare l’Amministrazione per portare a meta, sebbene con un colpevole ritardo di quindici anni, un’opera strategica per il futuro di Ascoli.

La città non ha bisogno di dispetti infantili ma di azioni efficaci per il bene degli Ascolani. Se si realizzerà il Polo, nella piena legittimità degli atti e nella qualità della realizzazione tecnica, saremo molto soddisfatti: quello che ci interessa non è il merito politico che si prenderanno in pochi ma il vantaggio che verrà per tutti i cittadini ascolani.”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 257 volte, 1 oggi)