ASCOLI PICENO – Il violinista ascolano Edoardo De Angelis, docente del Conservatorio di Torino, concertista applaudito nei più importanti teatri, dalla Scala di Milano alla Mozarteum di Salisburgo, entra nella direzione artistica di “Ascolipicenofestival”, affiancando lo storico fondatore di “Settembre in musica” (18 edizioni) Michael Flaksman, violoncellista.

L’associazione culturale ascolana nei giorni scorsi è stata rifondata, lanciando una coraggiosa sfida al tempo della “grande crisi” che colpisce pesantemente la cultura, dopo lo scioglimento di quella precedente per problemi di budget e di forze.

Ascolipicenofestival” allarga la sua base sociale, i suoi orizzonti artistici e i suoi programmi. È un nuovo contenitore musicale a disposizione della città, una grande famiglia che crede nella musica per vivere meglio e arricchire l’anima del territorio. Il tutto sempre con lo spirito del volontariato.

La professoressa Emanuela Antolini, pianista, è stata eletta Presidente. Nel Consiglio direttivo figurano l’imprenditrice Alessandra Callarà (vice presidente), il commercialista Sandro Ferretti (tesoriere), l’insegnante di musica Luigi Travaglini (progetto per giovani Musicaviva), la presidente di Zarepta Luisa Danieli (Percorsi Piceni), il musicista ed informatico Simone Valentini (sito) e l’ortopedico Bruno Zeppilli (organizzazione generale).

Apf rilancia. – afferma Antolini – È la musica in tutte le sue declinazioni, da quella classica a quella popolare, anche per incentivare la partecipazione dei giovani. Non solo musica da camera pura ma anche crossover, ovvero contaminazioni tra classica e pop. E attenzione particolare alla formazione dei giovani. Si può già annunciare che nel Festival di settembre 2015 ci sarà una serata intitolata “Stabat Mater/Reloaded” con la partecipazione del bassista ascolano Saturnino Celani, che con generosità ha risposto alla nostra proposta come tutti gli altri artisti, accanto ad archi e cantanti lirici. La musica da camera rimane tuttavia il cuore del Festival. Il cartellone di settembre –  continua la pianista – prevede appuntamenti in 4 fine settimana, venerdì, sabato e domenica. Sappiamo che è dura. Che le risorse sono molto scarse. Noi però non vogliamo mollare. È la nostra sfida alla crisi. Possiamo contare su Banca dell’Adriatico che, con grande sensibilità verso la cultura, ci ha assicurato il suo sostegno. Così come il Comune di Ascoli. Ma ci aspettiamo altre collaborazioni. Altrimenti saremo costretti ad ammainare definitivamente bandiera”.

“Ad aprile – conclude Antolini – contiamo di convocare l’assemblea generale dei soci per l’elezione dei nuovi organi sociali. Tutti coloro che hanno voglia di fare, hanno idee e sono pronti a sacrificarsi sono invitati a farsi avanti. Ascolipicenofestival”  ha visto 22 soci fondatori, ma è subito partita la campagna associativa. Per informazioni ci si può rivolgere ai numeri 328-6289763, 340-8304706 e 348-3416474”.

A gennaio Apf (anche nuovo logo che richiama le righe dello spartito) mette in programma due appuntamenti molto stuzzicanti che fanno da apripista. Il 15, ore 18.00, nell’auditorium “Monsignor Silvano Montevecchi”, alla Piazzarola, si tiene il concerto, ad ingresso libero, offerto come ogni anno alla città da Banca dell’Adriatico.  Si esibisce un’orchestra d’archi con solisti due violinisti molto bravi e capaci di donare forti emozioni: l’ascolano Edoardo De Angelis e il fermano Luca Marziali docente nel Conservatorio di Fermo e apprezzatissimo concertista. In programma musiche che vanno dal barocco di  Arcangelo Corelli alla musica popolare brasiliana di Antonio Carlos Jobim. Domenica 24 gennaio, invece, sempre alle 18.00, ingresso libero,nella Sala degli Specchi di Confindustria, il duo pianistico Emanuela Antolini e Anna Barbero attraversa epoche, stili, culture e tradizioni in un programma di danze a 4 mani e un pianoforte

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 194 volte, 1 oggi)