Riceviamo e pubblichiamo un comunicato degli “Infermieri a difesa dell’Ospedale di Ascoli

“Sembra incredibile eppure è la verità….il Capo Dipartimento Chirurgico con una Lettera Informa che ha deciso la “CHIUSURA DEL Reparto di Chirurgia dal 22/12/2014 al 11/01/2015” a stretto giro è costretto a rispondere il Primario della Chirurgia che gli comunica: “non si è in condizioni di poter dimettere un numero sufficiente di pazienti, molti versano in condizioni critiche al fine di poter chiudere l’U.O. per il periodo comunicato. Si fa presente la già avvenuta programmazione di interventi chirurgici di routine nei giorni 24 e 31/12/2014”…questa è la situazione che non si è mai vista e non vè traccia negli altri Ospedali della Regione, siamo oramai alla frutta! Chiudere i reparti, quindi togliere servizi ai cittadini, per assenza personale di Assistenza diretta in un Ospedale Capoluogo di Provincia!!! è come dire che si chiude un cantiere per mancanza di muratori mentre di ingegneri e amm.vi cè né a bizzeffe!!!

Attualmente in Chirurgia sono presenti 23 pz. ed altri 3 appoggiati in altri reparti per carenza posti letto, in Urologia ci sono 20 pz +3 letti Bis e un Pz. fuori Reparto….come si può pensare di CHIUDERE?!

Il Personale che vi lavora è allo stremo per una carenza di personale Inf.co e Oss che dura oramai da troppo tempo, il rischio di errore per il carico di lavoro è altissimo e certamente la soluzione non può essere la chiusura dei reparti ma è ora che si assuma il personale che necessità per lavorare in maniera Dignitosa.

Non possiamo sottacere e non denunciare all’opinione Pubblica tale situazione anche perché non è la sola all’interno dell’Ospedale, inoltre la cosa incredibile è che il Personale Inf.co recuperato dovrà sostituire il personale OSS in altri reparti!!!!

E tutto questo accade nel silenzio assoluto dei Dirigenti pagati profumatamente per gestire la Sanità del Piceno!

Chiediamo a TUTTI coloro che come noi hanno a cuore l’Ospedale di Ascoli di intervenire perché siamo vicini alla fine

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 240 volte, 1 oggi)