SPINETOLI- La chiusura della Farmacia Comunale a Spinetoli e il contestuale trasferimento a Pagliare “sta diventando un caso di malasanità e malamministrazione?”. Il Comitato per la salvaguardia della Farmacia Comunale di Spinetoli Capoluogo se lo sta chiedendo ormai da mesi.

Lo stesso Comitato, in una nota,chiede con forza all’Amministrazione Comunale – “che sta brillando per il suo assordante silenzio ufficiale – risposte chiare sulla riapertura della Farmacia.”

“Il Comitato torna quindi a sollecitare l’Amministrazione Comunale- in particolare il Sindaco, il Vicesindaco e l’Amministratore Unico della Farmacia Comunale srl – a dare finalmente risposte chiare su:

– è vero che la Farmacia di Spinetoli raccoglieva circa 2.000 ricette al mese?

– è vero che la Farmacia di Spinetoli aveva bilanci positivi o comunque in pareggio? E,se è vero, perché nell’Assemblea pubblica si sono rifiutati di rispondere in merito?

– perché quindi è stata chiusa e trasferita la Farmacia?

– per quale interesse superiore sono stati calpestati i diritti dei cittadini spinetolesi?

– sono sicuri che la Farmacia Comunale – riaperta a Pagliare a 300 mt in linea d’aria dalla locale storica Farmacia e a 70 mt da una nuova agguerrita Parafarmacia nonché oggetto di un risentito boicottaggio da parte degli spinetolesi del capoluogo – conseguirà  risultati economici molto superiori rispetto a quelli che otteneva a Spinetoli?

– in merito alla ” nuova Farmacia che aprirà a Spinetoli “, come pensano di motivarne la richiesta di apertura dopo averne sostenuto pochi mesi prima l’opportunità della chiusura?

– pensano che l’Amministrazione Provinciale e l’Asur si assumeranno a cuor leggero la responsabilità di  esprimere pareri di fatto contrastanti con quelli espressi mesi fa ?

In mancanza di risposte, il Comitato proseguirà con iniziative e manifestazioni per stigmatizzare le scelte politicamente inspiegabili operate da una  Amministrazione Comunale di centro sinistra, all’interno della quale sembra essere già in atto un acceso confronto tra i fautori e i contrari alla chiusura e trasferimento della Farmacia.

Vedremo se prevarrà in qualcuno il senso civico e la responsabilità politica oppure se resteranno tutti all’italiana attaccati alle poltrone.”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 433 volte, 1 oggi)