ASCOLI PICENO – Un 2014 molto simile al 2013 sotto il punto di vista della sicurezza nella provincia di Ascoli. E’ l’aspetto principale emerso dall’analisi dei dati illustrati dal Questore di Ascoli Giuseppe Fiore che ha parlato di un Piceno “abbastanza sicuro”.

Uno dei primi elementi che scaturiscono dalla crisi economica perdurante è l’aumento dei piccoli furti nei supermercati, anche di merci di piccolissimo valore. In crescita anche gli scippi. E’ aumentato il quantitativo di hashish sequestrato, mentre diminuisce quello di eroina.

Secondo il Questore piceno è importante sensibilizzare i giovani sul pericolo dell’uso di droga. “La marijuana  è pericolosa quanto la cocaina e porta anche a malattie mentali gravi”. In diminuzione anche i furti di ciclomotori e le rapine in abitazioni. Importante l’opera di prevenzione degli uomini della Questura ascolana in collaborazione con il commissariato di Fermo, sul fronte dello sfruttamento e del favoreggiamento della prostituzione, un fenomeno molto presente nel territorio fermano.

Il Questore Fiore pone l’accento sul rispetto delle regole e con la legalità che deve diventare una forma mentale e non una mera paura di incorrere in una sanzione. “La repressione”, continua il Questore,” deve avere la finalità di far cambiare le forme illegali diffuse”.

Sul fronte dell’ordine pubblico, è stato un 2014 tranquillo.  Sono previste misure di sicurezza rafforzate per l’imminente Ascoli-Teramo, con le due tifoserie che non vanno certo d’accordo.

L’evento più triste, secondo il dottor Fiore, è stato sicuramente l’incidente dei due Tornado dello scorso agosto,un evento che però ha rafforzato la collaborazione tra l’Aereonautica militare e la polizia di stato. “Il lavoro di indagine sul tragico evento, continua il questore, lo facciamo soprattutto per dare risposte alle famiglie delle povere vittime”

L’arrivo dei migranti provenienti dai centri di identificazione del Sud italia ha sconvolto i piani della questura ascolana, che ha dovuto fare fronte ad un attività di certo non consueta nella provincia picena. Anche qui, c’è stata un’importante collaborazione tra Polizia di Stato e Area Vasta che ha consentito un regolare controllo dei cittadini extracomunitari.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 90 volte, 1 oggi)