ASCOLI PICENO – E’ arrivato brillantemente a conclusione il progetto “Reti d’Impresa” con la sigla, a fine dicembre, dei due contratti di rete dei settori tessile e nautica: “RETE INTEGRATED TEXTILE SERVICE” e “RETE NAUTICA INTEGRATA”.

Nell’ambito dell’accordo di programma tra il Ministero dello Sviluppo Economico e l’Unioncamere, la Camera di Commercio di Ascoli Piceno, presieduta da Gino Sabatini, per il tramite della sua Azienda Speciale Piceno Promozione e il suo Presidente Rolando Rosetti, ha attivato un percorso che, partendo da un’analisi del contesto economico, e passando per l’individuazione dei possibili ambiti/filiere e la realizzazione di focus group con le aziende, ha portato alla concreta attivazione di ben due contratti di rete.

Il tessuto economico locale, in effetti, è caratterizzato da micro e piccole imprese che, singolarmente, riscontrano notevoli difficoltà nel processo di internazionalizzazione e che, grazie al finanziamento del sistema camerale, hanno adesso a disposizione un ulteriore strumento per essere ancora più competitive.

Si tratta, in particolare, di 7 imprese della nautica (C.M.M. di GIACOPONI SIMONE, FRIGOEMME S.R.L., G.E.M. ELETTRONICA S.R.L., ISCAR FUNI METALLICHE S.R.L., MOVINOX S.R.L., MORI CARLO SOCIETA’ A RESPONSABILITA’ LIMITATA, IDROMECCANICA FORANI E PECORARI – S.N.C.) e 7 imprese del tessile (DIENPI S.R.L., MACTEC S.R.L., ITACLAB SRL, I.T.V. INDUSTRIA TESSILE DEL VOMANO SRL, WASH ITALIA SPA, G.P.G. SRL, ABBIGLIAMENTO G. & G. S.R.L.).

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 159 volte, 1 oggi)