ASCOLI PICENO – Da un lato c’è Carlo Goldoni, dall’altro Richard Bean. Ad accomunarli è Il servitore di due padroni (1745), una delle più famose commedie scritte dal grande autore veneziano che il drammaturgo contemporaneo inglese (1956) ha rivisitato intitolandola Servo per due(One Man, Two Guvnors) e ambientandola nei primi anni del secolo scorso.

Dopo il debutto nel 2011 al National Theatre di Londra con la regia di Nicholas Hiytner, “One Man, Two Guvnors”, ha entusiasmato pubblico e critica nel corso di una tournée in Gran Bretagna ed è approdata con successo a Broadway nel 2012. La traduzione e l’adattamento di questa prima versione italiana dell’opera di Bean sono a cura dello stesso Pierfrancesco Favino (in questo momento uno degli attori italiani di maggior talento, impostosi anche a livello internazionale), di Paolo Sassanelli (che, con Favino, firma la regia dello spettacolo), di Marit Nissen e di Simonetta Solder, che l’11 e 12 Febbraio fanno tappa al Ventidio Basso di Ascoli Piceno

Procedendo tra travestimenti, scherzi e gag, lo spettacolo della compagnia Gli Ipocriti/Associazione R.E.P mantiene intatto lo spirito originale dell’opera. La musica è parte integrante dello spettacolo e viene eseguita dal vivo dall’Orchestra Musica da Ripostiglio, composta da quattro elementi che hanno curato anche gli arrangiamenti delle più note canzoni dell’epoca. Una perfetta combinazione di commedia visiva e verbale che ha dato vita ad uno spettacolo di grande successo.

TRAMA: Rimini, Pippo, moderno Arlecchino, ha appena perso il lavoro e si ritrova depresso, senza soldi e senza la possibilità di poter mangiare. Disperato, comincia a cercare un nuovo mestiere e dopo vari tentativi accetta di lavorare contemporaneamente alle dipendenze di due diversi padroni. Uno è Rocco, un piccolo malvivente del nord, padre della sua fidanzata Clarice, l’altro è Lodovico, anch’egli noto malfattore. Essere al servizio di due padroni, significherà per Pippo avere anche un doppio carico di lavoro, dovrà ricordare quali ordini e da chi gli verranno impartiti. Dopo un po’ di tempo, frequentando le due case, a Pippo non mancheranno le sorprese.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 159 volte, 1 oggi)