ASCOLI PICENO-  Sabato 7 febbraio alle ore 21:00 presso il Teatro PalaFolli di Ascoli Piceno andrà in scena un nuovo appuntamento con la Rassegna Ascolinscena: in programma “Il diavolo con le zinne” di Dario Fo realizzato dalla Compagnia Omfalos di Falconara Marittima. Si tratta del quarto appuntamento del cartellone organizzato da Castoretto Libero, DonAttori, Li Freciute e la Compagnia dei Folli e che vedrà ad aprile assegnati i Premi Ascolinscena 2014-2015 che decreteranno i migliori attori, attici e spettacoli di questa VIII edizione.

Scritta da Dario Fo con evidenti allusioni agli anni di “mani pulite”, in una lingua semi-immaginaria tra il lombardo e il partenopeo, la commedia “Il diavolo con le zinne” andò in scena per la prima volta al Teatro Vittorio Emenuele di Messina nell’agosto 1997, interpretata con grande successo da Franca Rame e Giorgio Albertazzi. La protagonista è Pizzocca, la serva-perpetua, goffa e pettegola, di un giudice integerrimo che vuole scoprire le malefatte dei potenti della sua città.

Tre diavoli decidono di possedere il giudice per meglio corromperlo e distoglierlo dall’intento di giustizia al quale si è votato. Per un intreccio di situazioni ed incidenti, invece di entrare nel corpo del giudice, il diavolo incaricato della missione si impossessa, senza rendersene conto, del corpo della serva. Tutto questo manda all’aria il programma del capo-diavolo. Il testo va avanti in un crescendo di comicità ed ironia.

La Compagnia Omfalos nasce nel 2007 come epilogo di una esperienza nata all’interno dei laboratori teatrali organizzati nelle scuole. L’esperienza si è col tempo ampliata permettendo la messa in scena di diversi spettacoli: “La fattoria degli animali” di Orwell, “Il Visconte dimezzato” di Italo Calvino, “Poca paga come pago” di Dario Fo.

Il termine Omfalos deriva da una parola greca e vuol dire “ombelico del mondo” ed esprime il concetto di centralità da cui tutte le nostre energie si dipanano per irradiare il mondo. In altre parole è voler vivere l’esperienza del teatro come modalità per esprimere le proprie energie ed i propri sogni da offrire al pubblico.

Al termine dello spettacolo sarà possibile degustare il vino offerto dalle Cantine di Offida che in questa edizione di Ascolinscena ci farà conoscere i propri prodotti.

Anche quest’anno si è rinnovato il gemellaggio con la Fita Marche, Federazione Italiana Teatro Amatoriale che ha riconosciuto Ascolinscena come lodevole iniziativa tesa a dare luce alle compagnie non professioniste d’Italia.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 146 volte, 1 oggi)