ASCOLI PICENO – Conferenza stampa di fuoco del M5S presso la Rinascita: sul piatto gli intrecci legati ad Ecoinnova, società che detiene il 40% del capitale di Ascoli Servizi Comunali. Riportiamo per intero il comunicato stampa:

“Il Movimento 5 Stelle Ascoli Piceno studia da tempo l’intreccio di rapporti tra Comune di Ascoli Piceno, Ascoli Servizi Comunali e Ecoinnova, fin dall’uscita del bando di gara per la ricerca del socio privato di Ascoli Servizi Comunali a cui affidare il servizio di RSU, verde e illuminazione pubblica, in quell’occasione con gli amici dell’Associazione Bene Comune e con Legambiente. Abbiamo criticato questo passaggio perché per vari motivi concreti preferiamo che servizi così importanti rimangano pubblici. Il Comune ha tirato dritto fino all’aggiudicazione della gara a Ecoinnova.

Proprio in questi giorni quest’avventura compie due anni. Nonostante mesi di studio sugli gli atti disponibili da parte di alcuni Attivisti, non siamo riusciti a capire bene lo stato attuale di questa collaborazione con il privato, e non vorremmo che alla fine anche questa volta la privatizzazione di un servizio pubblico, portata avanti sventolando le promesse dell’efficienza e del risparmio, si riveli una fregatura per i Cittadini.

Abbiamo perciò presentato un’interrogazione al Sindaco al fine di dissipare i nostri dubbi e capire bene come sono gestiti i servizi e i soldi pubblici in questa faccenda.

In particolare abbiamo dubbi sull’effettiva collaborazione tra Socio e Amministrazione, attraverso Ascoli Servizi Comunali, considerando che non siamo riusciti a trovare nel bilancio del Comune dei dovuti pagamenti da parte di Ecoinnova delle spese per il bando e del canone mensile per la concessione del servizio; sui reali vantaggi per i Cittadini di questa collaborazione, dopo due anni dall’aggiudicazione del bando; sull’effettiva conformità del Socio ai requisiti del bando; sul perché, dopo aver firmato il contratto di concessione del servizio alla Ecoinnova, la stessa abbia affittato il ramo d’azienda della pubblica illuminazione ad una ditta di Pesaro.

L’Amministrazione ha agito correttamente nella difesa dell’interesse pubblico? E cosa ha fatto l’opposizione da 2 anni per controllare una questione così importante, in cui ballano oltre 100 milioni di euro di soldi pubblici e decenni di servizi fondamentali?”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 334 volte, 1 oggi)