PORTO SAN GIORGIO – Nella mattinata del 5 febbraio è pervenuta alla Sala Operativa del Commissariato di Porto San Giorgio la segnalazione del gestore di un bar nei pressi della stazione che riferiva di aver visto quattro persone, due uomini e due donne presumibilmente stranieri, dormire nell’androne della stazione ed avvicinatosi per invitarli ad andarsene era stato da questi minacciato.

Una pattuglia della Polizia è giunta alla stazione però non trovava le persone segnalate, ma le rintracciava poco dopo nelle strade interessate al mercato del giovedì e le fermava quindi per  un controllo.

Solo due di loro declinavano le proprie generalità, mentre le altre due mostravano dei bigliettini con generalità poi risultate fittizie.

Uno degli uomini, B.U. nato nel 1993 in Romania, è risultato destinatario di un provvedimento di sospensione di ordine di esecuzione per la carcerazione e ripristino dell’ordine medesimo emesso dalla Procura della Repubblica di Bologna per il reato di furto aggravato, nonché colpito da un decreto di rimpatrio con foglio di via obbligatorio emesso dal Questore di Potenza.

L’altro uomo e le due donne, invece, sono risultati avere numerosi precedenti di per reati contro il patrimonio, anche sotto altri falsi nomi.

B.U. è stato quindi associato alla locale Casa di reclusione di Fermo mentre gli altri tre, provenienti da un campo nomadi di Foggia, sono stati rimpatriati con foglio di via obbligatorio del Questore di Ascoli Piceno Giuseppe Fiore.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 199 volte, 1 oggi)