ASCOLI PICENO – Vittoria sofferta dell’Ascoli in rimonta su una Spal che ha fatto tremare i tifosi bianconeri fino al 94esimo.  L’espulsione di Addae, espulso per la simulazione di Fioretti, durante il primo tempo ha condizionato non poco la gara, i bianconeri in dieci si affidano a Grassi che cerca soluzioni in tutte le zone di campo. Nel finale di gara si infortuna Avogadri che viene sostituito da Nardini, che si ricicla nell’insolita posizione di terzino. Lanni salva l’Ascoli più volte durante la gara e mantiene il risultato sul due a uno quando nel finale respinge un tiro ravvicinato di Di Quinzio.

Altinier, sempre lui, pareggia i conti, si fa trovare pronto quando ha l’occasione e non  sbaglia in tuffo di testa, verrà poi sostituito da Perez  che si procura il rigore e realizza la rete del vantaggio.

Ai microfoni arriva il DG Lovato:”Partite pazzesche quasi incredibile che si ripetano partite così in sei giorni, oggi ancora più che a San Marino è emersa la caratteristica della squadra che non accetta di perdere, i ragazzi non hanno mollato. Avogadri si è infortunato nei primi minuti del primo tempo forse si è rotto il mignolo del piede ma è volito rimanere in campo sono ragazzi che hanno un grande cuore e meritano quello che stanno facendo. Il Presidente è andato via contento le settimane passano e riusciamoo a tenere testa nonostante le difficoltà. Addae ha fatto un errore ma l’avversario ha ingigantito molto, la simulazione ha pagato. Il gesto non doveva essere fatto che Fioretti abbia fatto una sceneggiata è indubbio.”

Mister Semplici, tecnico della Spal è rammaricato per la sconfitta immeritata:”Parecchio rammarico perdere una partita giocando con personalità davanti a una squadra come l’Ascoli, la colpa è mia che dovevo gestire meglio la superiorità numerica, la squadra si è espressa bene dobbiamo migliorare sottoo l’aspetto dell’attenzione. Dispiace dopo una prestazione così uscire con una sconfitta, merito anche dell’Ascoli che ha sfruttato nostre piccole indecisioni, questo fa capire la forza dell’Ascoli ma anche a noi ci fa capire cosa migliorare. Lanni ha fatto una parata su Zigoni incredibile, uscire sconfitti oggi credo sia immeritato.

Il match winner Leonardo Perez felice ai microfoni sottolinea come il buon lavoro porti alle vittorie:”I tre punti oggi erano fondamentali, gli altri devono recuperare le gare durante la settimana e sarà più difficile, noi intanto vinciamo.” La Spal?E’ un’ottima squadra, ma analizzando la partita loro sono venuti su buttando palle lunghe ci hanno punito su un errore e il primo tempo se ne è andato senza ne alti ne bassi, undici contro dieci abbiamo dominato dopo il mio gol abbiamo sofferto e ci siamo abbassati troppo. Siamo stati bravi a stringere i denti e a portare a casa la vittoria.Il rigore era netto stavo tagliando e Silvestri mi ha toccato mentre stavo per tirare.” Una corsa liberatoria verso la curva?“Non potevo permettermi di sbagliare ma poi è stato spontaneo andare sotto la Sud.” Su Grassi “Grassi in quel ruolo è il giocatore più forte della Lega Proo e ci dà quegli spunti che sono fondamentali sopratutto sui calci piazzati ora siamo una rosa completa, ci possiamao alternare tutti quanti.”

Mister Petrone:”Avevo detto che questa partita era una di quelle in cui dovevamo mettere il cuore, nel secondo tempo siamo stati capaci di fare quello che non abbiamo fatto tutta la stagione ovvero verticalizzare sul trequartista. La partita l’abbiamo preparata sapendo che la Spal si abbassava molto, i ragazzi sono riusciti ad uscire molto bene palla al piede, abbiamo sbagliato qualche passaggio come in occasione del gol ma l’importante è che i ragazzi cerchino sempre di giocare. Lanni è stato decisivo. Mori ha delle grandi qualità come ha dimostrato oggi. Noi dobbiamo crederci fino alla fine e voglio vedere sempre questo atteggiamento. Una curva come quella dell’Ascoli che ci supporta sempre merita di festeggiare con noi, una vittoria da dedicare anche ai tifosi. La vittoria di oggi è importantissimo perchè la Spal è una ottima squadra.Ho ringraziato tutti i giocatori a fine partita il gruppo deve sposare la causa ci deve essere un gruppo. Gli infortuni fanno parte del gioco e durante la settimana valuteremo gli acciacchi di Avogadri e Mori.”

Daniele Mori, uscito nel finale di gara acciaccato ai microfoni esalta la reazione dell’Ascoli “Ho avvisato il  mister perchè sentivo un affaticamento e ho preferito uscire, oggi abbiamo dato tutti tutto per come si era messa la partita non era facile ribaltare il risultato ma siamo tornati dagli spogliatoi con la grinta giusta. Ogni volta dobbiamo prendere uno schiaffo per reagire invece dobbiamo iniziare così sin da subito. Meno partite mancano alla fine più le inseguitrici hanno pressione, all’andata abbiamo fatto molto bene nel girone di ritorno dobbiamo dare molto di più.”

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 378 volte, 1 oggi)