ASCOLI PICENO – In arrivo nei teatri marchigiani nei cartelloni promossi dall’AMAT con i Comuni da domani, martedì 10 febbraio, lo spettacolo Servo per due dell’inglese Richard Bean, libero adattamento da Il Servitore di due padroni di Goldoni con protagonista Pierfrancesco Favino e i numerosi attori del Gruppo Danny Rose accompagnati dal vivo dai musicisti di Musica da Ripostiglio.

Lo spettacolo – diretto da Pierfrancesco Favino e Paolo Sassanelli al debutto con grande riscontro di critica e pubblico la scorsa stagione – è una riflessione diversa su un classico del teatro e fa tappa mercoledì 11 e giovedì 12 febbraio al Teatro Ventidio Basso di Ascoli Piceno .

Riadattato nella versione italiana da Pierfrancesco Favino – al quale è andato per questa interpretazione il premio Miglior Protagonista “Le Maschere del Teatro Italiano 2014” – Paolo Sassanelli, Marit Nissen e Simonetta Solder, Servo per due si presenta come una commedia comica, ricollocano sullo sfondo della Rimini degli anni ’30 la vicenda di equivoci e avventure di un Arlecchino rivisitato in chiave moderna, utilizzando nuove tecniche e tecnologie, con attori che cadono dalle scale, che sbattono le porte, che fanno battute a doppio senso e interagiscono con il pubblico. La musica è parte integrante dello spettacolo e viene eseguita dal vivo dall’Orchestra Musica da Ripostiglio, composta da quattro elementi che hanno curato anche gli arrangiamenti delle più note canzoni dell’epoca. Una perfetta combinazione di commedia visiva e verbale che ha dato vita ad uno spettacolo di grande successo.

Rimini, Pippo, moderno Arlecchino, ha appena perso il lavoro e si ritrova depresso, senza soldi e senza la possibilità di poter mangiare. Disperato, comincia a cercare un nuovo mestiere e dopo vari tentativi accetta di lavorare contemporaneamente alle dipendenze di due diversi padroni. Uno è Rocco, un piccolo malvivente del nord, padre della sua fidanzata Clarice, l’altro è Lodovico, anch’egli noto malfattore. Essere al servizio di due padroni, significherà per Pippo avere anche un doppio carico di lavoro, dovrà ricordare quali ordini e da chi gli verranno impartiti. Dopo un po’ di tempo, frequentando le due case, a Pippo non mancheranno le sorprese.

Lo spettacolo è prodotto da Compagnia Gli Ipocriti e REP / Gruppo Danny Rose con la partecipazione di Fondazione Teatro della Pergola. Le coreografie sono di Fabrizio Angelini, le scene di Luigi Ferrigno, le luci di Cesare Accetta, i costumi di Alessandro Lai e il canto è affidato a Gabriele Foschi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 118 volte, 1 oggi)