ASCOLI PICENO – Per la Cassazione è da rivedere al ribasso la condanna a 30 anni di reclusione per Salvatore Parolisi. E’ da eliminare l’aggravante della crudeltà. Il ricalcolo della pena lo deve fare la Corte d’assise d’appello di Perugia. Confermata la responsabilità per aver ucciso la moglie Melania Rea.

“Siamo soddisfatti perché si farà un nuovo processo” così la difesa di Parolisi, mentre per la difesa della famiglia Rea non ci sono dubbi: “Parolisi é l’omicida”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 184 volte, 1 oggi)