ASCOLI PICENO – Gli uomini della Squadra Mobile di Ascoli hanno arrestato Asif Khan, sfuggito all’arresto durante l’operazione “Medusa” di qualche settimana fa.

Gli uomini guidati da Roberto Di Benedetto erano sulle tracce del latitante dopo che il pakistatno aveva trovato rifugio presso alcuni connazionali che vivono nella Riviera. Nonostante la fuga, la Squadra Mobile aveva continuato nelle indagini e per stanare il latitante, erano stati predisposti servizi di controllo presso le abitazioni dei potenziali fiancheggiatori del pakistano.

La svolta è avvenuta nel pomeriggio di ieri quando è stato individuato un cittadino pakistano ospitato presso un residence di Porto d’Ascoli che aveva attirato l’attenzione degli investigatori per il suo atteggiamento sospetto mostrato in occasione dell’ingresso presso il residence. In seguito gli agenti, aiutati dai colleghi del Commisariato di San Benedetto, hanno fatto irruzione nell’appartamento occupato dal predetto cittadino extracomunitario, dove si trovava anche Khan. Sono stati anche trovati 10 grammi di eroina e quasi duemila euro in contanti, che sarebbero serviti al latitante per fuggire all’estero.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 667 volte, 1 oggi)