ASCOLI PICENO – Conferenza stampa presso la sede del Partito Democratico in Piazza Simonetti. Presenti Francesco Ameli, consigliere di minoranza del Comune di Ascoli e l’onorevole Luciano Agostini. Sul piatto il tema della sanità e la questione “Del Moro”: il deputato marchigiano presenterà un’interrogazione in Parlamento per chiedere al Ministro della Salute Beatrice Lorenzin un “immediata ispezione” per verificare “la situazione di estrema criticita’ dei servizi offerti dall’Ospedale Mazzoni di Ascoli Piceno e valutare se a fronte dell’accertata illeggitimita’ della nomina del direttore dell’Area Vasta 5 non ci sia stata una tempestiva sospensione e relativa sostituzione del direttore stesso”.

“Premesso che – recita l’interrogazione di Agostini – nella seduta di giunta del 20 gennaio us, come risulta da verbale, è stato ascoltato il direttore dell’ASUR dott. Gianni Genga, il quale ha illustrato come ci sia stata illegittimità nella nomina del direttore dell’Area Vasta 5, perché illegittima la deliberazione n. 761/1997 dell’unità sanitaria locale n.5 con la quale é stato attribuito al dott. Del Moro l’incarico del secondo livello dirigenziale del ruolo sanitario non medico. Sempre nella stessa giunta si è proceduto ad incaricare il prof. Vito Jorio di esprimere un ulteriore parere che consentiva di definire meglio la questione; Nella giunta regionale del 26 us, come risulta da verbale, si incarica il direttore dell’ASUR di assumere a seguito del parere del prof. Vito Jorio  i provvedimenti nei confronti del direttore dell’area vasta 5; Veniva riconvocata apposita g.r. il gennaio 28 us per deliberare in merito alle proposte avanzate dal direttore dell’ASUR, ma la stessa andava deserta perché non raggiungeva il numero legale, in quando 5 assessori disertavano la riunione stessa; Nella giunta regionale del 2 febbraio us  il direttore dell’ASUR comunicava di aver disposto in sede di autotutela l’annullamento della deliberazione 761/1997 dell’unità sanitaria locale n.5, con la quale si conferiva il secondo livello dirigenziale, requisito ritenuto indispensabile per essere conseguentemente nominato direttore dell’Area Vasta 5.  

Nonostante tutto ciò, alla data odierna non risulta che il direttore dell’area vasta 5 sia stato rimosso dal proprio incarico, producendo  di fatto una situazione di paralisi, con grave ripercussione nella erogazione dei servizi sanitari nella provincia di Ascoli Piceno;  Come risulta da nota a verbale della giunta regionale del 16/02/2015 il presidente comunicava che è stato richiesto parere all’avvocato Ranieri Felici il quale dopo attenta valutazione esprimeva conformità al parere del prof. Vito Jorio che come risulta dalle note a verbale confermava il parere del direttore dell’ASUR e cioè la piena illegittimità della nomina; Nella medesima seduta di giunta, il presidente proponeva la sospensione in via cautelativa del direttore dell’area vasta 5. Con 4 voti favorevoli e 5 contrari la giunta respingeva la proposta del Presidente.

Considerato che come facile immaginare il perdurare di tale situazione produce una situazione di instabilità se non di illegittimità che se definitivamente confermata produrrebbe la presunta illegittimità degli eventuali atti successivamente prodotti. 

Si interroga il Ministro della sanità Beatrice Lorenzin per sapere se non ritiene opportuno produrre un’immediata ispezione ministeriale per verificare se:

a)  a fronte di una accertata illegittimità  non ci sia stata una altrettanta tempestiva sospensione e relativa sostituzione, del direttore stesso.

b) gli atti prodotti  nell’esercizio delle sue funzioni siano da considerarsi legittimi

c) all’atto della presentazione dei requisiti per essere nominato direttore erano già evidenti i vizi di illegittimità.

d) la direzione dell’ASUR ha messo in atto tutte le iniziative possibili attinenti alla propria funzione per rimuovere tale presunta illegittimità.”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 430 volte, 1 oggi)