APPIGNANO DEL TRONTO –  Sabato sarà tagliato il nastro del nuovo auditorium comunale di Appignano del Tronto.

Si tratta di un’opera pubblica finanziata con i fondi europei por fesr asse 5, grazie ad un bando del GAL Piceno e cofinanziata dal Comune di Appignano del Tronto per un importo totale di euro 200.000,00.

Si è realizzato, uno spazio destinato ad attività ricreative, di cui ha bisogno sia il complesso scolastico sia l’intero territorio comunale.

Il progetto ha previsto la realizzazione di un auditorium che potrà essere impiegato, per l’attivazione di percorsi didattici-educativi teatrali per bambini e ragazzi, per le attività scolastiche di recitazione ed anche per attività ricreative di aggregazione per ragazzi e/o per anziani con proiezioni e spettacoli aperti a tutta la cittadinanza.

Un ambiente dunque, di effettiva partecipazione e aggregazione, utile per lo sviluppo creativo, intellettuale e culturale delle forze del futuro.

Ad inaugurare la struttura proprio il cuore della comunità, i bambini dell’intero plesso scolastico di Appignano del Tronto, si esibiranno in canti e recite, con la presenza inoltre del Corpo Bandistico Città di Appignano del Tronto.

“L’auditorium si chiama S.A.L.E., sigla di Spazio Aperto Libere Espressioni, il titolo ben si coniuga con la finalità di questo luogo che diventa il contenitore privilegiato per esprimere l’essenza dell’esistenza attraverso le molteplici espressioni artistiche che ciascuno vorrà mettere in campo e condividere con gli altri” dice il Sindaco Agostini, “Abbiamo scelto la frase di Camus da scrivere sul muro dell’auditorium “se il Mondo fosse chiaro, l’arte non esisterebbe” proprio per evidenziare che la vita ha bisogno di linguaggi diversi e di vie non convenzionali per poter essere vissuta appieno e così in un momento in cui molti teatri chiudono, Appignano apre, convinta sempre di più che anche la cultura può salvare il Mondo”.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 243 volte, 1 oggi)