ASCOLI PICENO – Per la prima volta si vedono in campo insieme Berrettoni e Grassi i due fantasisti illuminano il terreno del Del Duca, scambi veloci e tasso tecnico elevato in zona offensiva, Tripoli e Perez a completare un reparto che fa  a meno di Mustacchio, subentrato nella ripresa e Chiricò che non viene rischiato da Petrone. Grassi e Berrettoni hanno fatto vedere come due giocatori tecnici possono convivere.

Gualdi  non proprio impeccabile e Pirrone in mediana mentre in difesa non recupera Mori che non siede nemmeno in panchina,  parte titolare Cinaglia insieme  a Pelagatti, Avogadri e  Rossi che verrà sostituito nel secondo tempo con Nardini, uscendo dal campo malconcio per una botta. L’Ascoli padrone del campo rischia troppo nel secondo tempo per qualche ingenuità di Gualdi. Una vittoria importante per tenere distante il Teramo uscito vincente contro la Carrarese. Il pubblico  ha risposto alla grande riempiendo il settore dei distinti, e nella giornata dell’8 marzo i giocatori sono scesi in campo con un polsino rosa per onorare tutte le donne.

L’arrivo dell’ex Pontedera aveva fatto ipotizzare a gennaio staffette d’altri tempi, Mazzola-Rivera ai Mondiali del ’70,  Baggio-Del Piero a Francia ’98, o quella ancora tra Del Piero e Totti al mondiale 2002 e 2006 dove però Marcello Lippi ebbe l’idea di proporli insieme nella semifinale contro la Germania e fu proprio Er Pupone ad imbeccare Gilardino che senza guardare servì Pinturicchio che realizzò la rete del due a zero, con un gol dei suoi. Spesso far convivere due giocatori tecnici può essere la chiave di volta di una partita, allora contro i toscani dagli spalti si sono potuti ammirare scambi veloci e ravvicinati, sponde, rimorchi e due assist di capitan Berrettoni, uno a servire proprio Grassi che realizza così il suo nono gol stagionale ma il primo in maglia bianconera.

A fine partita chiedo a Grassi come si sia trovato con Berrettoni, ed il fantasista risponde:Benissimo è un giocatore di qualità e oggi s’è visto i tre gol tre azioni bellissime. ” .  Un Grassi che si spende sempre per i compagni e viene amonito nel primo tempo per aver allontanato la palla.Un’ ammonizione un pò ingenua?”Potevano ripartire subito a volte servono queste cose ora sono in diffida devo stare attento ma in quel momento ho pensato a fermare un attimo l’azione. Il Teramo viaggia bene come le altre squadre abbiamo tutte le qualità per rimanere dove siamo chiaro che gli altri non mollano, siamo molto soddisfatti parzialmente perchè manca ancora un pezzo.”

Il Teramo vince e convince, 5 le reti rifilate alla Cararrese, tripletta di Donnamurra capocannoniere del girone, 4 i punti che separano le due formazioni, Ascoli 56 e Teramo 52, segue il Pisa a quota 47 e la Reggiana a 45 punti, stasera impegnata nel posticipo contro  L’Aquila. Mister Petrone non pensa comunque  al Teramo”Il Teramo? noi pensiamo solo a dare continuità stanno facendo un grande campionato  e giocano per raggiungere i loro obiettivi ma noi  pensiamo solo a casa nostra. ”

 

 

 

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 144 volte, 1 oggi)