ASCOLI PICENO – L’età adolescenziale è uno dei periodi di maggior cambiamento nella vita della persona, per questo è necessario dare una particolare attenzione ai bisogni e alle aspettative dei giovani.

La Cooperativa sociale onlus “la gemma” con il sostegno della Fondazione Carisap, ha presentato il progetto “Co-educare ad essere sé” con la collaborazione della dottoressa, pedagogista Verdecchia Maria Chiara.

L’iniziativa si svolgerà nel territorio di Grottammare e San Benedetto del Tronto e coinvolgerà istituzioni e servizi rivolti al sociale: Istituto Comprensivo “G. Leopardi” di Grottammare, Università degli Studi di Urbino-Dipartimento scienze dell’uomo, Università di Tor Vergata, Diocesi di San Benedetto-Ripatransone-Montalto, Comune di Grottammare, Cooperativa Sociale Millennium Onlus, Comitato genitori di Grottammare.

Il progetto è presentato dalla dott.ssa Verdecchia: “Una proposta prettamente pedagogica che intende creare un’alleanza tra adulti che si occupano di adolescenti. Occorre ripristinare il dialogo tra famiglia, scuola, oratori, enti perché insieme è possibile superare i residui di autoreferenzialità e frammentarietà rischiosi per un accompagnamento sano dei nostri ragazzi”.

Le azioni principali del progetto prevedono: formazione dei docenti, realizzazione di diagnosi sulle difficoltà di apprendimento con particolare attenzione ai casi di famiglie in difficoltà, potenziamento educativo-didattico pomeridiano; attivazione centro polifunzionale per i giovani; laboratori per lo sviluppo dei talenti, laboratori per adulti; laboratori ed eventi per adolescenti.

Queste proposte si basano su una scelta metodologica innovativa che coinvolge le realtà educative dei genitori, docenti e professionisti, e i ragazzi in una dialettica volta al rispetto dei singoli ruoli e al rispetto delle potenzialità dei giovani. La dottoressa spiega che: “Da sempre mi sono occupata di adolescenti e da sempre non ho mai smesso di credere e di investire nelle potenzialità dei ragazzi, perché ciascuno nella sua specificità e diversità è risorsa ai fini di un miglioramento e cambiamento della comunità”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 213 volte, 1 oggi)