MONSAMPOLO DEL TRONTO – Riceviamo e pubblichiamo una nota del sindaco di Monsampolo Pierluigi Caioni.

Enormi danni danni causati dalle piogge e dal dissesto idrogeologico nel Comune di Monsampolo del Tronto, chiesti circa 600.000 euro di danni alla Regione Marche. Frane su buona parte del territorio, le più gravose in Contrada Sant’Egidio con una strada scomparsa, in Centro Storico lungo la passeggiata sul fronte ovest del Parco della Rimembranza, in Contrada Maiano con una frana lungo una strada Comunale, una miriade di altre piccole frane lungo le strade Comunali e Provinciali, aggravamento della frana lungo la Provinciale per Acquaviva e Monteprandone in Località “Dietro la Chiesa”.

Poi ha avuto un movimento franoso piuttosto grave anche la nuova Circonvallazione del Centro Storico ancora non inaugurata con i lavori fermi dagli inizi del 2014, questa per cause ancora in corso di accertamento ma certamente aggravate dal maltempo, oltre a situazioni che si possono definire anche pericolose in Piazza Castello con le Mura Storiche ad Ovest del Centro Storico a rischio crollo da qualche anno.

Senza voler girare il coltello nella piaga del sottopasso ferroviario lungo la circonvallazione Ovest a Stella, che anche durante le ultime piogge si è allagato con interruzione del traffico e rischio per i fruitori e disagi notevoli alla circolazione. Per chiudere il quadro sono caduti oltre trenta alberi ad alto fusto, cinque di questi nel Parco di Piazza Bachelet, due lungo la Provinciale che dalla Salaria conduce al Centro Storico, uno all’interno dell’asilo a Stella, uno lungo la Salaria con istituzione del senso unico alternato per circa un’ora e ripristino della normalità grazie al pronto intervento della Protezione Civile, una in mezzo a Via de Gasperi in prossimità della Stazione, oltre ad un’altra ventina in varie altre zone del territorio.

Questo che sembra un bollettino di guerra è il conteggio (probabilmente neanche definitivo) dei danni subiti nel territorio del nostro Comune a causa del maltempo dei giorni scorsi e si va ad aggiungersi alle enormi difficoltà economiche legate anche al rispetto del Patto di Stabilità che costantemente ingiuriano la salute finanziaria del Comune di Monsampolo.

L’appello è rivolto principalmente allo Stato e alla Regione Marche, visto che la Provincia Ascolana è in condizioni economiche certamente più disastrate delle nostre. Che intervengano con fondi straordinari per aiutare chi sul territorio tutti i giorni affronta difficoltà reali ed insolubili con le sole proprie forze, perché i territori vanno salvaguardati con interventi strutturali efficaci e definitivi, altrimenti ad ogni pioggia, saremo qui a lamentare danni, sperando sempre di non dover mai affrontare e lamentare conseguenze ben più angoscianti a danno della Cittadinanza.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 239 volte, 1 oggi)