ASCOLI PICENO – La Prefettura di Ascoli ha presentato il vademecum del nuovo codice antimafia che si inquadra nel contesto delle iniziative dedicate ai temi della legalità e alla prevenzione del fenomeno delle infiltrazioni mafiose e della criminalità organizzatea. Le iniziative sono culminate nell’organizzazione del Convegno antimafia del febbraio 2014.

Si tratta di un documento elaborato dall’Ufficio Antimafia della Prefettura che si propoe di costituire un valido strumento di lavoro per le Amministrazioni appaltanti e per gli operatori economici, al fine di consentire un’agevole lettura e interpretazioni delle norme del Codice Antimafia.

Il prefetto Graziella Patrizi ricorda che “tale impianto normativo è frutto di un lavoro in sinergia tra Magistratura, Prefetture e Forze dell’ordine, istituzioni che  svolgono un ruolo centrale nella salvaguardia della legalità nella pubblica amministrazione attraverso la verifica dei requisiti dei soggetti che operano in rapporto con essa e per garantire la tutela dei princip di legalità del sistema degli appalti pubblici a tutela degli stessi operatori economici”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 198 volte, 1 oggi)