ASCOLI PICENO – Una speciale curiosità verso la storia e la cultura dei piceni, ha spinto la professoressaDiane Murphy a frequentare da oltre dieci anni gli archivi, biblioteche e centri di cultura, alla ricerca storica e bibliografica di Cecco d’Ascoli, figura emblematica della storia del Basso Medioevo.

Martedì 24 marzo, alle ore 17, presso la Sala dei Savi, Palazzo dei Capitani, verrà presentata la traduzione in inglese dell’opera di Cecco d’Ascoli “Acerba”.
La parte editoriale è stata affidata a Domenico Capponi mentre la traduzione è stata realizzata dalla professoressa Diane Murphy dell’Unity College del Maine, Stati Uniti.

La presentazione del libro, che porta il titolo di “The Bitter Age”, è organizzata dal centro Studi Tradizioni Picene e vedrà la partecipazione della stessa autrice/traduttrice Diane Murphy, del professore, presidente dell’Istituto Studi Medievali Cecco d’Ascoli, Gigi Morganti.
Un lavoro complesso quello di traduzione del poema didattico, articolato in un elevato numero di versi, che potrà essere conosciuto oltre il confine italiano favorendo la valorizzazione del patrimonio culturale del piceno. Alessandro Giostra illustrerà la figura di Cecco d’Ascoli e farà conoscere un’altra opera intitolata “de Eccentris et Epicyclis”.

A introdurre l’iniziativa sarà l’ex assessore alla Cultura della Provincia di Ascoli Piceno, Andrea Maria Antonini a cui seguiranno gli interventi del Sindaco Guido Castelli e dell’assessore alla Cultura Giorgia Latini.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 215 volte, 1 oggi)