MONSAMPOLO DEL TRONTO – La “resistenza” contro la chiusura dell’ufficio postale di Monsampolo del Tronto (così come di altri uffici di Poste Italiane nel Piceno e oltre 400 in tutta Italia) dopo la mobilitazione di sindaci, dei cittadini e dei dipendenti, trova l’appoggio dell’Anci nazionale, l’associazione dei Comuni Italiani.

Da quanto riferisce il sindaco di Monsampolo del Tronto Pierluigi Caioni, “si è giunti ad un rinvio di due mesi della chiusura dell’ufficio postale del centro storico”, mentre Anci Marche dibatterà della situazione, probabilmente, il prossimo 27 marzo. “Da informazioni ricevute, Anci Nazionale ha ottenuto la sospensione del piano di razionalizzazione di poste italiane, è un piccolo passo che ci fa ben sperare per il futuro, ma la battaglia non è ancora vinta, speriamo bene” afferma Caioni.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 293 volte, 1 oggi)