ASCOLI PICENO – Dopo gli ottimi risultati dei primi due anni, il Gruppo Giovani Imprenditori ripropone anche per il 2015 “Speed Ap”, un competizione tra aspiranti imprenditori che avranno la possibilità di presentare – nel corso di uno specifico evento – i propri progetti imprenditoriali ad una platea di business angels finanziari e industriali, seed capitalist ed istituti finanziari.

Il funzionamento di “Speed Ap” è semplice e consolidato: in un primo step verranno selezionate da un Comitato scientifico di valutazione, dieci candidature relative ad altrettante idee imprenditoriali, raccolte tramite uno specifico form già disponibile nel sito www.yestartup.it; successivamente le 10 migliori progettualità avranno l’opportunità di essere presentate a potenziali investitori nel corso di un “elevator pitch” in programma il prossimo autunno a Grottammare.

Una metodologia – quella dell’elevator pitch – importata dagli Stati Uniti in base alla quale si hanno a disposizione 5 minuti di tempo per raccontare se stessi e la propria idea imprenditoriale.

Il tempo di una corsa in ascensore, insomma, per conquistare l’ interlocutore e finanziare così la propria start up.

Partner di “Speed AP 2015” sono: il Consorzio Universitario Piceno, la Fondazione Ottavio Sgariglia Dalmonte, Banca Marche, Istao (Istituto Adriano Olivetti), HUB 21 e Startupbusiness.

In un periodo come quello attuale, caratterizzato da una situazione sociale ed economica molto critica, l’iniziativa, che è oramai diventata a pieno titolo uno dei appuntamenti fissi e più attesi dell’ecosistema italiano delle start up, vuole infondere fiducia nel territorio piceno, fornendo strumenti di supporto concreti a chiunque, giovane o meno giovane, voglia intraprendere e “fare” impresa.

C’è poi un altro aspetto che non deve essere trascurato e che rappresenta un plus dell’iniziativa: la possibile attivazione di partnership con imprese già presenti sul mercato che potrebbero rivelarsi determinanti sia per la nascita e lo sviluppo di nuova imprenditorialità sia per accrescere la competitività di imprese mature che beneficerebbero della contaminazione di start up ad alto contenuto di innovazione.

ll Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori, Franco Bucciarelli, ha così commentato “attraverso questa iniziativa vogliamo scuotere il territorio, trasmettendo con una formula innovativa la passione del fare impresa. Come Giovani Imprenditori stiamo lavorando già da alcuni anni con dedizione al tema delle start up ed i risultati ci stanno dando ragione. Siamo convinti che per creare nuova occupazione e per dare una risposta concreta all’emergenza sociale dei nostri giorni, non si possa prescindere dalla creazione di un ecosistema favorevole alla nascita di nuove imprese, in particolare di quelle innovative che hanno maggiori prospettive di crescita e di sviluppo. In questa direzione – continua il Presidente – tutti gli attori pubblici e privati del territorio, devono dare il loro contributo”


Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 111 volte, 1 oggi)