ASCOLI PICENO – L’amministrazione provinciale ha conseguito oggi un importante traguardo per il Piceno: il Ministero dello Sviluppo Economico ha infatti sbloccato ben 2 milioni e 840 mila di euro di vecchi fondi del Patto territoriale per “l’Agricoltura e la Pesca di Ascoli Piceno” grazie alla tenace azione del Presidente Paolo D’Erasmo che, fin dal suo insediamento, ha lavorato con grande impegno con tutta la struttura tecnica dell’Ente per recuperare queste somme giacenti da 15 anni nelle casse del Ministero e finora mai utilizzate.

Proprio nella mattinata del primo aprile il Presidente D’Erasmo ha ricevuto la delegazione del Ministero dello Sviluppo Economico incaricata di svolgere le ultime verifiche procedimentali per autorizzare la rimodulazione dei finanziamenti verso 9 interventi infrastrutturali di ripristino su strade ricadenti nei Comuni aderenti al Patto. Era presente Antonio Martini, Dirigente dell’Unità tecnica della Direzione Generale per gli incentivi alle imprese del Mise con il suo staff. Per la Provincia sono intervenuti alla riunione i Consiglieri Valentina Bellini e Sergio Corradetti, Anna Casini, coordinatrice per gli interventi operativi, gli ingegneri Giuseppina Curti e. Mariangela Fiorentino del Servizio Viabilità e vari Dirigenti dell’Ente.

“Certamente è stato conseguito un obiettivo di grande rilevanza per il nostro territorio – ha dichiarato il Presidente D’Erasmo – recuperando risorse notevoli che costituiscono una vera e propria boccata d’ossigeno per il Bilancio dell’Ente, che abbiamo voluto destinare ad investimenti strategici per le imprese di questo territorio favorendone la mobilità infrastrutturale, ma che sono assolutamente insufficienti, rappresentando appena il 10% di tutti gli interventi di manutenzione straordinaria di cui necessità la rete viaria provinciale e per i quali l’Amministrazione Provinciale è impegnata a trovare le risorse”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 176 volte, 1 oggi)