ASCOLI PICENO – I trend demografici non lasciano spazio a dubbi, la popolazione nord-americana ed europea sta invecchiando e, in questo contesto, l’Italia è uno dei Paesi in cui (complice anche la “crescita zero”) la terza età presto rappresenterà una percentuale notevole della popolazione: dal 2002 al 2014, secondo l’Istat, gli “over 65” sono già passati dal 18,7% al 21,4% del totale residenti.
Partendo da questi dati inconfutabili, ad Ascoli Piceno, presso la Sala Convegni di Proietti Planet, è stato presentato il progetto HDOMO 2.0 che, per la natura stessa dell’idea, ha dato ampio spazio ad un’area demo, nella quale toccare con mano i benefici delle nuove applicazioni della domotica.
Le Marche sono la regione detentrice del record nazionale di longevità maschile (in media, 80,4 anni) e di una longevità femminile (85,4 anni) seconda solo a quella delle donne trentine: non è quindi un caso che sia nata qui una Rete di imprese, HDomo, che dopo aver usufruito di finanziamenti regionali ha deciso di andare avanti con i suoi progetti di Ambient Assisted Living, grazie al sostegno nella ricerca dei dipartimenti dell’Università Politecnica delle Marche e con l’idea di portare in Europa le proprie applicazioni intercettando le opportunità del Programma Quadro europeo per la Ricerca e l’Innovazione “Horizon 2020”.
HDomo ha sviluppato – a parlare è il dottor Filippo Del Prete, responsabile APRA, azienda capofila della Rete HDomo – una serie di applicazioni non invasive che permettono il controllo della persona anziana e di chiunque abbia delle disabilità nel suo ambiente di vita. La sfida che stiamo sostenendo e vogliamo continuare a sostenere è quella di innovare attraverso una Rete di aziende che, tra loro, creano e producono sistemi perfettamente compatibili l’uno con l’altro, a vantaggio di chi alla fine li utilizzerà.
Alla conferenza stampa successiva all’introduzione dello stesso dottor Del Prete e del dottor Luigi Proietti di Proietti Planet hanno partecipato il dottor Emanuele Frontoni, Docente del Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione dell’Università Politecnica delle Marche, il Presidente della Camera di Commercio di Ascoli Piceno Gino Sabatini, il Sindaco di Ascoli Piceno Guido Castelli, Lorena Rossi dell’INRCA e Giuliano Gabbarini dell’azienda capofila della Rete, l’APRA.
La tecnologia a sostegno di una società con esigenze diverse da quelle che abbiamo mai dovuto affrontare esiste e HDomo dimostra come: se si aderisce ad un modello di business che alle logiche di business abbina un’azione “inclusiva”, con una ricaduta positiva sul territorio, il cerchio virtuoso “si chiude”. Questo fa una Rete, questo fa HDomo ed è questo lo spirito di solidarietà che costruisce un futuro a misura d’uomo.
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 667 volte, 1 oggi)