ASCOLI PICENO – Un incontro inaspettato quello con il famoso coreografo americano Garrison Rochelle nella splendida Piazza del Popolo di Ascoli Piceno.
Garrison è un estimatore della città che frequenta ormai da molti anni e della quale ha imparato ad apprezzare non solo la bellezza artistica, ma anche, come dice lui “Ascoli è proprio bella, eh, e si mangia bene”. Ascoli gli permette di prendere una pausa di tranquillità dal suo lavoro, noto a tutti, quello di coreografo nella trasmissione televisiva “Amici” e di trascorrere qualche giorno in compagnia della sua ex allieva e amica Tina Nepi.

Nessuna indiscrezione sulla prossima puntata della seguitissima serie per giovani talenti, scopriamo dunque come nasce l’amicizia con Tina Nepi.
“Io ti dico che, anni fa, anni fa, tanti, Tina era una ragazzina fedelissima, facevamo con Brian degli stage e c’era questa ragazzina bionda, non potevi non vederla perché aveva i capelli enormi, aveva già da giovane l’idea ben precisa cosa voleva fare, io l’ho notato quasi subito.”

Garrison spiega che la stima reciproca li ha portati a condividere progetti lavorativi con consigli e insegnamenti: “Poi nasce Tina dance, all’inizio le ho dato tanti consigli, mi ha ascoltato, abbiamo iniziato una collaborazione con gli stage e poi, a un certo punto, lei aveva una pausa dal lavoro e io avevo un lavoro fuori e l’ho chiamata per farmi da assistente per un mio lavoro. Passano gli anni, lei continua con la sua scuola e poi nasce lo stage estivo “Danzascoli” che i primi anni era veramente stimolante perché c’erano tante persone che venivano da tutta Italia, eh,”.

Una collaborazione cresciuta nel tempo che ha consolidato il loro rapporto di stima e affetto, una amicizia che va al di là del rapporto di lavoro: “E’ anni che mi chiede di fare il direttore artistico, è la prima volta in tutti questi anni che ho accettato di fare una cosa così perché io mi fido di Tina ciecamente, mi piace i suoi gusti, mi piace la sua testa, il nostro rapporto è sempre in crescita c’è una stima per lei professionalmente, è diventata parte della mia famiglia. Io quando ho una pausa vengo ad Ascoli, per esempio adesso avevo bisogno di vedere Tina, volevo pranzare con lei, sono venuto come amico, ma noi viviamo, mangiamo, respiriamo la danza e non potevo non seguire le prove del suo prossimo spettacolo l’11 e 12 giugno “Basta poco”. Perché nei tempi come oggi non abbiamo soldi da spendere per cose fasulle basta poco per divertire, basta poco per stare insieme, basta poco per amarsi, basta poco per esistere. Abbiamo deciso di fare questo tipo di gesto e mandare dei messaggi nello spettacolo”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.239 volte, 1 oggi)