ASCOLI PICENO –  Il Governatore delle Marche, Gian Mario Spacca è intervenuto alla presentazione dei candidati di Marche 2020 del Piceno.

Il Presidente della Regione sostiene di aver “chiuso una buona legislatura che ci ha consentito di resistere alla crisi. Noi guardiamo al domani e dobbiamo rispondere alle tante esigenze che ci chiedono i cittadini. Il nostro orizzonte ha un orizzonte definito: 2020. Sappiamo bene che le Marche stanno perdendo colpi e il reddito è in calo”.

Continua Spacca: “se non ci sono risorse economiche, tutto diventa inutile. Noi cerchiamo di unire la migliore imprenditoralità per continuare a produre reddito. L’impegno dei candidati è doppio e per questo ci aspettiamo un bel risultato”

Una stoccata anche al Pd, suo ex alleato: “il 31 maggio ci sarà un referendum: tra chi crea un’egemonia di partito e tra chi vuole un policentrismo, una pluralità aperta a tutti. Noi continuiamo a costruire un buon governo della Regione”

Intervengono poi i candidati della lista centrista. Inizia Sabrina Amici, educatrice professionali che sottolinea  “l’importanza della riduzione delle liste d’attesa e aumentare le struttire per persone con disabilità”, mentre Diana Cocci, avvocato, apprezza “il progetto politico di Marche 2020. Ritengo fondamentale sostenere il nostro sistema manifatturiero” e Massimo Narcisi, amministratore di condomini cita Papa Francesco: ” i giovani siano rivoluzionari, bisogna pensare in grande. Ho scelto Spacca perchè c’è bisogno di concretezza. Il futuro riparta dai produttori di ricchezza”.

Infine Luigi Contisciani ricorda che “noi non abbiamo apparato. Due anni fa Spacca mi propose questo progetto: è un uomo di valore e le intelligenze non vanno rottamate, Spacca ha portato le Marche ai primi posti in Italia. Ci vuole un Piceno forte. In questi anni, l’Assessorato al Piceno non ha portato niente a questo territorio. Valorizziamo meglio questo che è il territorio più bello dell’intera Regione”

Poi il Governatore torna a parlare dei problemi del territorio: “sulla Prysmian, il governo si è convinto a procedere sull’approvazione dell’accordo di programma e sui tanti piani di internazionalizzazione ci sono tanti piani che speriamo di continuare a promuovere.”

E ancora, sull’area Ex Carbon: ” rilanciare un buco nero che è nel cuore di Ascoli come fattore di crescita”.  Sui tanti progetti regionali, Spacca ricorda che “con le nostre risorse abbiamo tenuto in piedi la sanità, realizzato il film su Leopardi e gestire i sei mesi delle Marche a Expo. Proprio sulla sanità abbiamo definito una copertura delle specializzazioni che possano coprire tutta la Regione.”

Infine, sul dissesto idrogeologico ce n’è anche contro il Governo:” da Letta abbiamo avuto alcuni fondi, da Renzi i soldi sono finiti solo in Emilia Romagna”

 

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 525 volte, 1 oggi)