ASCOLI PICENO – Debutta sabato 16 maggio “Terroir Marche – Vini e vignaioli bio in fiera”, il lungo week-end che chiamerà a raccolta ad Ascoli centinaia di wine lover provenienti da tutta Italia per due giorni di degustazioni dei migliori vini bilogici marchigiani nel cuore del centro storico. L’appuntamento è aPalazzo dei Capitani fin dal mattino: dalle ore 10, infatti, si apriranno i banchi di assaggio con oltre 70 etichette biologiche in degustazione tra vini tipici regionali ed espressioni dal profilo internazionale (ticket d’ingresso 8 euro con calice e degustazioni libere). Tutti i vini potranno essere acquistati all’interno dell’enoteca Terroir Marche, aperta fino alle ore 21. In abbinamento, direttamente in fiera, i visitatori potranno gustare sapori tipici proposti da produttori del territorio oppure fare tappa neiristoranti convenzionati con la manifestazione, che proporranno menù di degustazione a un prezzo speciale.

 

Alle ore 11.30 si terrà il taglio del nastro ufficiale della manifestazione, mezz’ora prima partirà il primo dei cinque laboratori che vedranno grandi firme del giornalismo italiano ed europeo raccontare, calice in mano, le Marche del vino, attraverso percorsi inediti e coinvolgenti. Alle ore 11 l’autore televisivo e giornalista enogastronomico Paolo De Cristofaro inizierà con i vini regionali che hanno una natura intimamente montana nel laboratorio “La Montagna delle Marche”. Alle 15 il giornalista e docente Giampaolo Gravina focalizzerà l’attenzione su “Il lato bianco del Piceno”, mentre alle  17 il curatore dell guida “Slow Wine” Fabio Giavedoni e il giornalista Walter Speller guideranno i partecipanti in un percorso non ideologico su fermentazioni spontanee e lieviti selezionati nel laboratorio “Terroir Marche, confronto laico su lieviti e terroir”. Per partecipare ai laboratori la prenotazione è obbligatoria (www.terroirmarche.com).

 

Non sarà solo il vino a caratterizzare la prima giornata della manifestazione. ARTE (Archeologia, Recupero, Turismo, Eventi) proporrà visite guidate alle ore 11 e alle 16 per conoscere alcuni dei luoghi più significativi di Ascoli. Mentre alle ore 16 sarà dato spazio a “Bioculture”, il progetto di turismo artistico itinerante che propone uno sguardo diverso sulle Marche e le bellezze naturalistiche, storiche e culturali del territorio. In particolare verrà presentata in anteprima l’app Bioculture, frutto di oltre un anno di lavoro dell’associazione Sineglossa Creative Ground e della partnership di molti enti (tra cui la Regione Marche, l’Enit, l’associazione Pepelab e lo stesso Terroir Marche) che ha portato artisti provenienti da tutta Europa a percorrere i sentieri marchigiani per raccontare attraverso opere d’arte digitali le esperienze vissute nel viaggio. La app ripercorre il viaggio di 6 artisti multimediali alla scoperta dei paesaggi, delle tradizioni, del cibo e dei vini biologici della Regione Marche, promuovendo alcuni tra i migliori agriturismi e ristoranti lungo il percorso. Sarà allestita una cabina multimediale, dove i visitatori potranno rivivere in maniera multisensoriale parte del viaggio fatto dagli artisti grazie alla collaborazione degli artigiani de La Muuf.

 

Il primo giorno della fiera “Terroir Marche” si chiuderà nel chiostro di Palazzo dei Capitani con il concerto del gruppo “I sicari dello swing” (ore 19).

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 142 volte, 1 oggi)