ASCOLI PICENO – Il Movimento 5 Stelle torna sulla questione parcheggi a pagamento ad Ascoli.

Il consigliere comunale, Giacomo Manni sostiene che “la risoluzione del contratto con la Saba è la cosa migliore. C’è un chiaro eccesso di onerosità e noi andremo anche per le vie legali. Noi vogliamo la chiarezza. Parliamo con tutti e ascoltiamo le proposte di tutti. Non siamo certi noi ad avere responsabilità politiche su questo tema. Cerchiamo di sentire tutte le campane così riusciamo a raccogliere tutte le informazioni utili”

Su questo tema il Movimento 5 Stelle “si è mosso come se si trattasse di un indagine sulla mafia: è giusto far sapere chi sono i responsabili sul caso Saba. E su questo chiederemo una commissione specifica. Tutti devono sapere cosa è accaduto”.

Anche l’attivista pentastellato Ercole Matalucci ricorda che “la proposta che portiamo è evitare che ci sia un’interesse privato nella questione parcheggi”.

Interviene anche il candidato alle regionali, Peppe Giorgini: “questa città è in mano alla massoneria, ma gli ascolani non reagiscono. La storia della Saba è pazzesca. Questa multinazionale si abbuffa con i soldi degli ascolani, ma sicuramente questo Sindaco non sa gestire la questione parcheggi. Perchè a San Benedetto si paga 1 euro l’ora e qui 1,70? Ci sono le condizioni per chiedere il danno erariale”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 251 volte, 1 oggi)