ASCOLI PICENO – Una manifestazione tanto attesa, che riunisce ogni anno migliaia di persone, tra appassionati della montagna e estimatori della vita all’aria aperta. Si tratta del Festival dell’ Appennino, giunto alla sua quinta edizione, che prenderà il via martedì 2 giugno a Montemonaco (Ap) con una giornata ispirata agli gnomi e ai folletti che comprenderà una passeggiata guidata nel bosco, giochi di legno e laboratori, punto ristoro, lo spettacolo “Il Bosco delle Meraviglie” e un gioco a squadre: caccia ai folletti.

Il Festival si articola in un totale di undici giornate con cadenza nel fine settimana dei mesi di giugno e luglio con l’ultima giornata prevista per il 15 luglio.La peculiarità di questo evento è la combinazione di attività esplorative di tratti appenninici dei monti sibillini e dei monti della Laga, escursioni e trekking, con la suggestione di racconti, concerti e spettacoli legati alle leggende fantasy di fate, gnomi e folletti, al folclore locale e ad una musica che fa eco ai suoni della natura.

Caratteristici, infatti, il Forcella Folk Fest con balli e canti tradizionali, il giorno del Solstizio dedicato all’Irlanda e il finale con il coinvolgente spettacolo di noveau cirque di matrice medievale con la Compagnia dei folli, all’interno di una cava di travertino in località Cagnano di Acquasanta Terme (Ap). Un altro interessante appuntamento è quello intitolato “Il fiume di legno” che narra della tradizione della fluitazione, il trasporto dei tronchi di alberi dai boschi dei Monti della Laga fino alla città di Ascoli Piceno lungo il fiume Castellano e della quale verrà realizzata una mostra, a cura di Tonino Ticchiarelli, all’interno della Cartiera Papale.

Per coloro che cercano momenti di introspezione, il programma prevede una passeggiata lungo un tratto del Cammino Francescano della Marca.

 L’impegno di tutti gli enti promotori ha reso possibile, anche quest’anno, la realizzazione di questo importante Festival per l’economia del territorio montano. L’entusiasmo della Provincia di Ascoli Piceno e del Presidente dell’Associazione Appennino Up ha coinvolto anche altri soggetti che si sono resi sostenitori dell’iniziativa: la Regione Marche, la Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno che permette attività gratuite (laboratori, pasti, trasporti) a giovani under 24 che rientrano nei parametri ISEE 2014 (bando scaricabile dal sito www.festivaldellappennino.it), la Camera di Commercio e, l’ormai consolidato sodalizio con BIM Tronto.

Il consigliere provinciale Valentina Bellini ha espresso la sua soddisfazione per la riuscita di questa cooperazione: “…Ciò che più ci interessa è che questo Festival coinvolge e pone al centro della sua attività tutti i Comuni coinvolti. Ci interessava, come gli altri anni, svolgere questa attività in collaborazione stretta con i Comuni che intervengono sul piano logistico, organizzativo e abbiamo cercato il più possibile di rendere il Festival, considerando le difficoltà dei Comuni, autonomo da un punto di vista economico. Essi si occupano della parte organizzativa, di promozione del territorio a costo quasi zero. E’ un esempio forte di collaborazione tra enti locali e istituzioni del territorio”.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 190 volte, 1 oggi)