ASCOLI PICENO –  La Procura di Ascoli ha notificato sei provvedimenti di chiusura delle indagini su altrettante persone responsabili di aver apposto firme false su svariati contratti per il cambio del gestore elettrico di svariati e ignari clienti. L’accusa è quella di truffa e falso in ato pubblico.

Si tratta di ascolani e sambenedettesi che avrebbero contattato telefonicamente , attraverso un’altra società di fuori provincia, alcune persone proponendo vantaggiose tariffe con il nuovo gestore dell’elettricità.  Ma qualcuno dei “nuovi clienti” avrebbe chiesto spiegazioni.  Risultato: le firme apposte sui contratti, sul 90% dei casi, erano false.

A breve, dunque, il Tribunale deciderà la data di udienza nei confronti delle persone coinvolte.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.915 volte, 1 oggi)