OFFIDA – Sabato a Offida sarà inaugurato il Giardino dei Giusti che si trova accanto alla Chiesa di Santa Maria della Rocca. Alle ore 10:30 , dopo l’intervento degli alunni dell’Isc offidano, l’amministrazione Comunale darà un riconoscimento alla famiglia di Beniamino Ventura, l’ebreo che si salvò dalla deportazione, grazie all’intervento di alcuni offidani.

E proprio per quell’atto di grande solidarietà e umanità, che salvò la vita a Ventura, verranno omaggiate le famiglie di Talamonti Adelino, Talamonti Camillo – insigniti del titolo “Giusti tra le nazioni” e le famiglie Piersimoni Antonio e Ciabattoni Umberto che hanno contribuito alla salvezza della famiglia Ventura.

Sarà presente all’evento il nipote del signore ebreo salvato, Beniamino (lo stesso nome del nonno), che ha accolto l’invito del Consiglio Comunale dei Ragazzi e volerà Offida da Israele, per onorare la memoria del nonno, che durante le sue solite visite a Offida era solito dire “Sono Ebreo ma il mio cuore è offidano”. Chi salva una vita salva il mondo intero, si legge nel Talmud, e per l’amministrazione comunale è fondamentale il recupero di questa memoria storica “Una memoria – aggiunge il vicesindaco Isabella Bosano – rappresentato dal forte legame della famiglia Ventura per la nostra Offida e che sarà tramandata dagli studenti offidani”

Per l’occasione nel Girdino dei Giusti verrà piantato un ulivo, simbolo di pace.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 323 volte, 1 oggi)