ASCOLI PICENO –  La consigliera comunale del Pd, Valentina Bellini usa l’ironia per attaccare il sindaco Guido Castelli che è intervenuto sulla stampa per interloquire con il neo-governatore Luca Ceriscioli

“Mi è sufficiente leggere il titolo di un giornale per rimanere costernata: “Castelli indica a Ceriscioli le priorità della città”. Per cinque anni, Castelli ha taciuto sempre e comunque sulle azioni della Regione, senza plausi per le azioni positive e nel silenzio tombale per la trascuratezza della scorsa Giunta rispetto ai problemi della città e del territorio.
Un silenzio pari solo a quello di alcuni membri importanti (ma non autorevoli) dell’opposizione sulle scellerate azioni del governo cittadino. Questo tempo, per fortuna, se mai c’è stato, è finito, non paga più.”

Continua  la Bellini: “si tranquillizzi Castelli; il PD ascolano sa benissimo quali sono le priorità per la città: sono quelle che il non governo cittadino ha reso molto più problematiche di quanto abbia già fatto la crisi. Sono le conseguenze di uno stato di abbandono e di incuria in cui la città è stata tenuta per responsabilità di molti, certo, ma prima di tutto del primo cittadino e della giunta da lui guidata.
In Regione, finalmente, abbiamo autorevoli rappresentanti (se 7500 vi sembran pochi…) della città che sapranno prendersi cura del presente e del futuro del Piceno.
Un amministratore responsabile non si occupa del territorio a correnti alterne a seconda di come convenga sul piano della polemica politica (partitica, anzi, o meglio: personale).
Un amministratore responsabile pensa al bene complessivo del territorio cercando di fare squadra in questa ottica, e non per comodità personale.
In Provincia, tanto per fare un esempio, quel poco (davvero pochissimo) della scorsa amministrazione che c’era da mantenere per il bene del territorio l’abbiamo mantenuto, ad esempio alcune scelte di politica culturale.”

Anche un’accenno alla situazione in Provincia (Valentina Bellini è consigliere provinciale) “per il resto, il Presidente D’Erasmo sta lottando come un leone per cercare di porre una diga al disastro finanziario lasciatogli dalla sciatta amministrazione precedente. Ma, appunto, di buoni amministratori stiamo parlando.
Ad Ascoli città, mancano da troppo tempo. Da alcuni mesi le speranze per la nostra città si sono di nuovo aperte, grazie a persone perbene che se ne prendono e prenderanno cura: a cominciare da Paolo D’Erasmo, per continuare con Luca Ceriscioli e la Consigliera (futura Assessora) Anna Casini. Con l’aiuto responsabile e certo del bravo Fabio Urbinati.”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 255 volte, 1 oggi)