ASCOLI PICENO – Nella  conferenza stampa di oggi pomeriggio presso la sede di Corso Vittorio Emanuele,il DG Gianni Lovato e mister Petrone parlano del loro rapporto messo in questi giorni in discussione dai media. Il DG torinese coglie l’occasione per ribadire gli obiettivi della società:” In questo periodo s’è molto parlato del nostro rapporto pensavamo che tutto fosse stato chiarito nella conferenza stampa dove abbiamo fatto quadro di intenti per il prossimo anno e il resoconto di quello appena passato, Mario Petrone, rimarrà l’allenatore dell’Ascoli.  La volontà d tutti noi è migliorare -prosegue Lovato – abbiamo fatto una stagione importante la nostra stagione si sarebbe dovuta concludere meglio di come è andata ma le vicende lo dimostrano. Il passato non si può cambiare il futuro si. Di cose belle da fare qua ce ne sono tante”.
Lovato parla anche di Federico Crovari .” Gode della stima e dell’amicizia di tutti noi preparato professionalmente ha manifestato dei dubbi per cause personali gli abbiamo dato il tempo di decidere. L’unica richiesta che gli ho fatto è di decidere in tempi brevi è una persona che ci auguriamo continui a lavorare con noi. Sul mercato lavoriamo sulla qualità. Benevento, Lecce e Pisa per problemi economici o altro si ridimensionano quindi operiamo sulla qualità senza fretta la piazza sarà soddisfatta per il 31 agosto.
Mister Petrone è in linea con il pensiero del Direttore:” Condivido quello che ha detto il Presidente e quello che ha detto il Direttore noi cerchiamo sempre di fare un lavoro per migliorarci abbiamo un rapporto quotidiano e come in tutte le famiglie ci sono momenti più o meno positivi, ma non possiamo stare tutte le volte a smentire notizie che non ci sono, di litigi non ne abbiamo mai avuti in questo periodo siamo andati a rivedere tutte le componenti della stagione vissuta per migliorare certi aspetti. Noi non ci facciamo condizionare dai fattori esterni.” Il suo contratto sarà prolungato?:”Io ho il secondo anno di contratto mi ritengo un allenatore di progetto non e importante per me un anno in piu o uno in meno. Sulla rosa partiamo da quelli che abbiamo e qualche giovane. Il modulo non cambia sarà sulla falsa riga di quest’anno potremmo giocare con due punte. Sono contento di come quest’anno abbiamo operato con due scacchieri col trequartista o con due punte. Avendo questi giocatori in organico perché non sfruttarli?.
Per lei è facile continuare qui anche se non c’è il completo apprezzamento? “Non è un problema per me ho degli obiettivi, l’allenatore non deve essere presuntuoso ed essere apprezzato da tutti ma noi andiamo avanti per i nostri obiettivi. ” Alle luci delle indagini c’è la sensazione che avreste meritato di più? Quest anno siamo stati sfortunati con gli infortuni poi siamo tornati a vincere noi abbiamo dato il massimo guardo alla mia squadra.”
Sul caso Teramo e sulle indagini, Lovato è sorpreso:”Non me lo sarei aspettato, noi siamo una società seria e abbiamo fatto firmare una clausola ai nostri giocatori e ci siamo tutelati, ora aspettiamo le sentenze sul caso Teramo e i futuri sviluppi.” Ci potrebbero essere sviluppi particolari e non è da escludere che l’Ascoli prenda il posto degli abruzzesi nella serie cadetta, che potrebbero essere penalizzati e retrocessi in D , e le il futuro si deciderà in settimana. Il ritiro dovrebbe partire dal 10-11 luglio.
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 603 volte, 1 oggi)