ASCOLI PICENO – l bianconeri ricominceranno la preparazione a metà luglio intanto si pensa al mercato e i tifosi ascolani sono in attesa di sapere le sorti di uno dei pilastri di questa stagione appena terminata, l’italo argentino Leo Perez, sarà o non sarà riscattato dal Cittadella? Scade oggi il termine per esercitare le opzioni, l’altra opzione riguarda Mino Chiricò da riscattare dal Parma che fallito, dovrebbe ripartire dalla serie D, il folletto salentino non rientra nei piani societari mentre per Perez il discorso è diverso e si valuteranno altre soluzioni.

Continua comunque la ricerca del centroavanti per la prossima stagione e alcune piste portano a Rachid Arma, l’attaccante del Pisa, che ha disputato un ottima stagione ed è in partenza: si parla anche dell’Avellino per lui, ma arrivare ad Arma non è impossibile. Il Pisa lotta per sopravvivere e il club deve trovare  un milione assolutamente entro la fine del mese, per far restare il Pisa nel calcio professionistico, entro il 25 giugno devono essere pagati gli stipendi di marzo e aprile dei tesserati per un importo pari a circa 300mila euro. Poi, cinque giorni dopo, giorno in cui dovrà essere presentata tutta la documentazione necessaria ad iscrivere il Pisa ai nastri di partenza della prossima Lega Pro.  Dalla Toscana potrebbe arrivare il difensore  Saverio Madrigali che dopo una buona stagione al Pontedera, torna alla Fiorentina detentrice del cartellino ma che comunque dovrebbe girarlo o all’Ascoli o al Latina.

Il Centro riporta le parole del presidente de L’Aquila Corrado Chiodi su Francesco Corapi che dovrebbe sbarcare ad Ascoli ma non è escluso possa restare nel club abruzzese. “Sono sincero, mi farebbe davvero piacere se restasse – dice il Presidente – Ho letto sul web che alcuni tifosi non sono d’accordo soprattutto per le polemiche intercorse tra il ragazzo e parte della tifoseria a fine campionato. Dico solo che quelle sono cose che succedono quando si è presi dalla tensione e dalla stanchezza. Corapi ha sempre dimostrato talento e attaccamento ai nostri colori durante questi due anni e durante ogni singolo allenamento. Vedremo comunque se ci saranno le condizioni per la sua permanenza”.

Non solo l’Ascoli spera nel ripescaggio, anche il Benevento, che spera dopo il fallimento del Parma, anche Bassano, Brescia,  Matera, Cremonese, Reggiana e Reggina, sperano nella cadetteria poichè oltre alle classifiche, nell’altro 50% in graduatoria influiscono bacino d’utenza e storia degli ultimi 50 anni, ma questa estate potrebbe esser determinante il fattore impianti ed infrastrutture.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 772 volte, 1 oggi)