ASCOLI PICENO – Gli italiani sono, notoriamente,  tra gli europei la popolazione che più di tutti ha puntato sul “bene rifugio” per eccellenza: l’immobile. Basti pensare che la percentuale di connazionali che possiede la prima casa supera l’80%, un  dato unico in tutta Europa.

Questo dato fa capire, da solo, quanto sia importante dare punti di riferimento sul valore degli immobili e la Camera di Commercio di Ascoli Piceno l’ha fatto con la presentazione del Listino Immobili del secondo semestre 2014, avvenuta il 23 luglio presso la sala Giunta camerale.

La Camera di Commercio – ricorda il suo presidente, Gino Sabatini – realizza questo listino dal 1997 ed ha ripreso a farlo nel 2012, dopo un periodo in cui l’incertezza sul valore degli immobili era tale da non permettere valutazioni di un certo spessore. Con il listino immobili, noi vogliamo fornire agli utenti delle informazioni capaci di essere utili poi, nella vita di tutti i giorni, nell’interazione tra domanda e offerta di immobili sul nostro territorio.

 Il listino, realizzato in collaborazione con tutte le associazioni di categoria, è stato rivisitato nella sezione “Glossario” e riporta, su base provinciale, i valori minimi e massimi per abitazioni, negozi, uffici, terreni e capannoni, i valori minimi e massimi per immobili “nuovi o ristrutturati”, “agibili 15-30 anni” e “da ristrutturare”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 124 volte, 1 oggi)