ASCOLI PICENO – Con il giorno di S. Anna iniziano le cerimonie che precedono i festeggiamenti per il Patrono S. Emidio all’interno dei quali si colloca il torneo cavalleresco della Quintana.
Nell’edizione di agosto di questa rievocazione storica, sfilerà il palio della giostra equestre realizzato dal maestro Mauro Brattini, pittore e scultore marchigiano di Civitanova Marche.

Il palio è uno stendardo realizzato con un tessuto pregiato e dipinto che viene dato in premio al cavaliere vincitore della giostra e, per la Quintana dedicata a S. Emidio, il maestro Brattini ha posto la sua firma sull’ambita ricompensa.
L’opera rappresenta la figura sacra di San Francesco in un contesto simbolico narrativo del passaggio del Santo in Piazza del Popolo ad Ascoli avvenuto ottocento anni fa.

La Quintana è una rievocazione storica medievale in cui i figuranti indossano costumi evocativi dell’epoca e in particolare ispirati ai dipinti di Carlo Crivelli. Proprio dal dipinto che compone il polittico dell’artista risalente al 1471, sono prese e riproposte le figure di Sant’ Orsola, Santa Caterina e la Maddalena interpretate rispettivamente da Maria Sofia Roncarolo e da Francesca e Antonella Forlini.

Mauro Brattini si è diplomato presso l’Istituto d’Arte di Bologna e successivamente all’Accademia di Belle Arti di Macerata, dove è stato docente di pittura. Nel 1982 partecipa alla 40° Biennale di Venezia e, su invito della RAI TV italiana e in collaborazione con la TV svedese, ha organizzato e partecipato alla realizzazione di un murale dedicato alla pace nel mondo, su progetto di Remo Brindisi, eseguito nella piazza antistante la Basilica Maggiore di Assisi, con esecuzione trasmessa in mondovisione.

Si contano diverse personali e rassegne in città quali: Milano,Roma, Ferrara, Bologna, L’Aquila, Firenze, Istituto Italiano di Cultura di Cracovia e Varsavia, New York, Tokio, Hong Kong, San Francisco, Parigi e presso l’Istituto Italiano di Cultura di Stoccolma.

Ha eseguito, per il centenario della Statua della Libertà di New York, un multiplo in bassorilievo per i membri del Congresso degli Stati Uniti d’America.
Nel 2003 ha realizzato una personale dedicata alla danza presso il Museo Statale delle Arti di San Pietroburgo, in occasione delle manifestazioni culturali per il 300° Anniversario della fondazione della città.

Tra le opere scultoree una particolare attenzione merita il monumento in bronzo dedicato al Maestro di Danza Enrico Cecchetti, in quanto unico monumento al mondo in onore dell’arte coreutica.

I suoi lavori sono presenti in importanti Musei ed Istituti nazionali ed esteri: Musei Statali d’Arte Moderna di San Pietroburgo – Mosca, il “Conservatoire National De Région di Parigi” e all’ Alexander Palace Museum di Pesaro con opere pittoriche e scultoree.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 253 volte, 1 oggi)