ASCOLI PICENO – La Polizia di Stato nella giornata del 27 luglio ha tratto in arresto A.P., 52enne residente ad Ascoli Piceno, con l’accusa di resistenza aggravata a pubblico ufficiale.

Già durante la mattinata erano giunte diverse telefonate al 113 da vari cittadini che segnalavano la persona in questione, già nota alle forze dell’ordine, che stava mantenendo comportamenti violenti in varie zone di Ascoli Piceno. Le pattuglie della volante, pur intervenute tempestivamente, non sono riuscite a rintracciare l’uomo che si era spostato tra le vie del centro storico.

Nel primo pomeriggio è arrivata al 113 una richiesta di aiuto da parte di un’inquilina dello stesso stabile occupato dall’arrestato, di proprietà dell’Erap.

La donna ha riferito di continui soprusi e comportamenti vessatori e violenti dell’individuo che andavano avanti da circa 14 mesi, problematica che aveva più volte denunciato. Ha aggiunto di essere stata poco prima aggredita, per l’ennesima volta e sempre per futili motivi, dall’uomo che nella circostanza aveva brandito un martello edile.

Gli agenti dopo aver rassicurato e posto in sicurezza la donna hanno cercato di riportare alla ragione l’uomo ma il 52enne, seminudo ed in evidente stato di agitazione, non pago delle invettive si è scagliato contro i poliziotti brandendo il martello. Dopo una breve colluttazione l’uomo è stato disarmato e arrestato. Il 52enne è stato trasferito nel carcere di Marino del Tronto a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.128 volte, 1 oggi)