OFFIDA – “Da un punto di vista filmico le Marche vengono poco sfruttate. Potrebbero rappresentare un nuovo orizzonte della fiction italiana in quanto a location”. Lo dice Marco Falaguasta, impegnato ad Offida nelle riprese di “Rimbocchiamoci le Maniche”, che lo vede al fianco di Sabrina Ferilli: “Anche le strutture alberghiere sono particolarmente adatte ed efficaci per questa attività”.

Nonni ascolani, considera i paesaggi piceni “cari e familiari”. Ma a sorprenderlo è stata soprattutto l’ospitalità della gente del posto: “Ricordavo una cordialità di fondo ed un senso d’accoglienza, a cui si somma un entusiasmo particolare. E noi ci nutriamo di entusiasmo”.

Non meno innamorato Sergio Assisi, co-protagonista della serie: “Sono sorpresissimo, è la prima volta che vengo qui. Ho persino chiesto quanto costano le case da queste parti”.
Assisi recita la parte del marito della Ferilli: “Il nostro rapporto va in crisi, il mio personaggio si sente messo da parte. Angela perde lavoro e diventa sindaco senza volerlo. La storia è interessante, rispecchia i nostri tempi”.

Giovedì mattina, la Ferilli ha effettuato un saluto scenografico alla città all’interno del Teatro Serpente Aureo. Tra un ciak e l’altro c’è stato il tempo per ringraziare gli offidani. Soddisfatto il sindaco Valerio Lucciarini: “Oltre all’aspetto professionale indubbio degli attori, abbiamo raccolto una grande umanità”.

Sul set si sono visti pure Maurizio Mattioli, Michela Andreozzi, la giovane Benedetta Gargari (già vista in “Dov’è mia figlia?”) e Francesco Pannofino. Il celebre attore e doppiatore non fa parte del cast, ma era ad Offida per seguire il figlio, tra i componenti della troupe.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.469 volte, 1 oggi)