MALTIGNANO – Da alcune settimane, sono stati intensificati i controlli nella zona di Maltignano in quanto era stato constatato un trend crescente di criminalità. Soprattutto nei furti in appartamento.

Nei giorni scorsi la Polizia è intervenuta nel quartiere Caselle di Maltignano, per verificare varie segnalazioni di individui sospetti. In particolare nella mattinata del 5 agosto è stata notata la presenza di due giovani donne intente a suonare i campanelli di varie abitazioni per proporre la vendita di alcune piantine.

La pattuglia ha effettuato un controllo della zona e ha individuato due giovani donne che, a bordo di un’utilitaria, stavano effettivamente suonando ai citofoni di varie abitazioni del quartiere tentando, a loro dire, la vendita porta a porta di piantine decorative. Era però estremamente sospetto il fatto che le ragazze avessero da vendere solo le due piantine che portavano dietro. 

Vista la situazione, le due giovani donne sono state accompagnate in Questura identificate e foto-segnalate. A seguito dei rilievi è stato confermato che avevano numerosi precedenti di Polizia per reati contro il patrimonio, in particolare per furti in appartamento.

Le ragazze, di etnia rom, hanno detto di far parte di una comunità, attualmente situata in Abruzzo, impiegata nel settore delle giostre ambulanti.

E’ stato evidente che le due donne con la scusa della vendita porta a porta stessero, in realtà, perlustrando la zona cercando di capire quali case e appartamenti restassero vuoti la mattina.

Per le due rom è al vaglio l’adozione di provvedimenti amministrativi preventivi (divieto di ritorno) da parte del Questore della Provincia di Ascoli.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 912 volte, 1 oggi)